Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Missioni militari dal 2017

 

333) Somalia 01.03.17 - attuale  European Union Regional Maritime Capacity Building

 EUCAP Somalia

EUCAP Somalia è una missione civile dell'UE approvata il 12 dicembre 2011, con partecipazione di personale militare in qualità di advisor per specifiche tematiche, che ha il compito di rafforzare la capacità della Somalia nell'applicazione del diritto marittimo, ad esempio accrescendo le capacità somale di effettuare attività di ispezione in materia di pesca, contrastare i traffici e combattere la pirateria, sostenendo le autorità somale nello sviluppo della necessaria legislazione, rafforzando la filiera della giustizia penale nel settore marittimo e fornendo formazione e attrezzatura. È stato deciso che la missione dovesse concentrarsi sulla Somalia, come conferma il nuovo nome attribuitole (ex. EUCAP NESTOR fino al 28 febbraio 2017

HQ a Mogadiscio, uffici a Hargeisa (Somaliland) e Garowe (Puntland), ufficio amministrativo a Nairobi (Kenia)

01.03.17-.....11.19 Public information Officer - Francesca Marretta

 

- Chief of General Support Service presso Field Office a Mogadiscio

- Document Manager/Registry presso Back Office di Nairobi

 

Attualmente non risulta posta spedita in Italia

 

334) Islanda 09.03.17-13.04.17  NATO Interim Air Policing  - “Northern Ice”

 

Con l’Operazione NATO Interim Air Policing “Northern Ice” i reparti della Difesa Aerea dell'Aeronautica Militare hanno assicurato la difesa dello spazio aereo NATO in Islanda dal 23 marzo al 22 aprile 2017.

L'Air Policing (AP) è una capacità di cui si è dotata la NATO a partire dalla metà degli anni cinquanta e consiste nell'integrazione in un unico sistema di difesa aerea e missilistico della NATO dei rispettivi e analoghi sistemi nazionali messi a disposizione dai paesi membri. L'attività di Air Policing è condotta sin dal tempo di pace e consiste nella continua sorveglianza e identificazione di tutte le violazioni all'integrità dello spazio aereo NATO alle quali si fa fronte prendendo le appropriate azioni utili a contrastarle, come ad esempio il decollo rapido di velivoli caccia intercettori, il così detto scramble.

 

09.03.17 inizio schieramento – 22.03.17 Full Operational Capability

 

Base aerea di Keflavik

- 6 Eurofighter del 4° Stormo di Grosseto, 36° Stormo di Gioia del Colle e 37° Stormo di Trapani

- Personale tecnico logistico del C.O.A. di Poggio Renatico e del 22° Gruppo Radar di Licola

- Force Protection personale del 16° Stormo Fucilieri dell’Aria di Martina Franca

- Task Force Air alle dipendenze del C.O.I.

- Responsabile l’Allied Command Operation - ACO di Bruxelles

- Coordinazione dall’ Air Command di  Ramstein

- personale 4^ Brigata Telecomunicazioni e Sistemi D.A./A.V.

Per trasporto militari e materiali:

- C130J 46^ Aerobrigata di Pisa

- KC767 14° Stormo di Pratica di Mare

- Atlantic 41° Stormo di Sigonella

- personale del 3° Stormo di Villafranca

 

Comandante Task Force Air : Col. Emanuele Spigolon

PIO: Ten. Simone Antonetti

 

Uso di posta locale

Unica data conosciuta 18.04.17

 

335) Lettonia 19.06.17- attuale Operazione Enhanced Forward Presence “Baltic Guardian”

In base alla decisione assunta dai Capi di Stato e di Governo dell’Alleanza durante il Summit di Varsavia lo scorso luglio, l’Italia con il Task Group “Baltic” prende parte al dispositivo NATO di 4 Battle Group multinazionali a guida canadese. Infatti, dinnanzi a una deteriorata percezione della sicurezza e a seguito di specifica richiesta avanzata da parte dei Paesi Baltici e della Polonia, la NATO ha ritenuto opportuno rafforzare la propria presenza sul fianco est dello spazio euro-atlantico, varando una misura di enhanced Forward Presence (eFP) che contempla lo schieramento di quattro Battlegroup rispettivamente in Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia, alimentati a cura delle Framework Nations, supportate dagli altri Alleati.

4° Battle Group NATO - NATO Enhanced Forward Presence EFP

Sotto il Comando del Joint Force Command di Brusson

 

Task Group Baltic:

19.06.17-28.11.17  - T.C. Antonio D’Angella

- Cp Meccanizzata del 9° Rgt  Fanteria “Bari” di Trani - Blindati Freccia e Lince

- assetti Comando Brigata Pinerolo

- aliquote 3° Rgt Bersaglieri di Teulada

- aliquote 62° Rgt Fanteria “Sicilia” di Catania

- aliquote 232° Rgt Trasmissioni di Avellino

 

28.11.17-30.05.18 - Magg. Fabrizio Comisi

- Cp 5° Rgt Alpini di Vipiteno - Blindati BV206S7 e VTLM Lince

- 2° Rgt Trasmissioni Alpino

 

30.05.18-01.12.18   - T.C. Giuseppe Chiacchio

- Cp 7° Rgt Bersaglieri di Altamura

- Squadra a contatto del Polo Mantenimento delle Armi Leggere (ARMIPOLO) di Terni

 

01.12.18-11.06.19 T.C. Fulvio Menegazzo

Cp 9° Rgt Alpini dell’Aquila

 

11.06.19-10.12.19  T.C. Giovanni Rucco

1° Rgt Bersaglieri di Cosenza

4° Rgt Carri di Persano - veicoli cingolati VCC 80 Dardo - carri armati C1 Ariete - VTLM Lince

  

10.12.19-20.07.20  T.C. Fortunato Sion

3° Rgt Alpini di Pinerolo - 34^ Cp “Lupi”

 

20.07.20-14.12.20 T.C. Fabrizio Esposito

132° Rgt Artiglieria Corazzata “Ariete” di Maniago

11° Rgt Bersaglieri di Orcenico Superiore

 Nucleo JTAC (Joint Terminal Attack Controller) del Reggimento Lagunari Serenissima - Ser.Mag. Modoni Gianluigi

14.10.20 ISR (Intelligence Surveillance Reconnaissance) 5° Rgt Lancieri Novara di Codroipo

  

14.12.20-18.06.21 T.C. Massimiliano Ferraresi

7° Rgt Alpini di Belluno

 

18.06.21-16.12.21 T.C. Giovanni Graziano

8° Rgt Bersaglieri di Caserta

Team Rgt Lagunari “Serenissima” di Venezia 

Pl 19° Rgt Guide di Salerno (blindati Dardo)

Pl 4° Rgt Carri di Persano

 

16.12.21-22.06.22 T.C. Claudio Blardone

Taurinense: Cp 2° Rgt Alpini di Cuneo

Unità Esplorante 1° Rgt Nizza Cavalleria di Bellinzago Novarese

17° Reggimento Artiglieria Controaerei “Sforzesca” di Sabaudia

2° Rgr Trasmissioni Alpino di Bolzano

 

22.06.22-  attuale T.C. Federico Mora

- B. Bersaglieri “Garibaldi”

- 1° Rgt Bersaglieri di Cosenza

- 19° Rgt "Cavalleggeri Guide" di Salerno

- 4° Rgt "Carri" di Persano

- 8° Rgt Artiglieria Semovente "Pasubio" di Persano

- assetti forniti dal 17° Reggimento Artiglieria Controaerei “Sforzesca” di Sabaudia

- assetti forniti dal 121° Rgt Artiglieria Controaerea "Ravenna" di Bologna

- 7° Rgt Trasmissioni di Sacile

- 7° Reggimento NBC "Cremona" di Civitavecchia

 

 

 

Nel Task Group Baltic sono compresi:

- Assetti del JTAC (Joint Terminal Attack Controller) 

- ROLE 1

- IT NSE (Italian National Support Element)

- nucleo MP inserito nall’International Military Police del Btg Latvia a guida canadese.

 

 

Buste intestate a mano:

Contingente Italiano Operazione "Baltic Guardian" Adazi, Lettonia 

Buste intestate:

Task Group Baltic – Comando

9° Reggimento Fanteria “Bari”

Timbri amministrativi:

Comando Task Group Baltic

7° Reggimento Bersaglieri 10° Battaglione "Bezzecca" 39A Compagnia "Aquile"

 

 

Uso di posta locale

1^ data conosciuta 02.11.17

 

336) Bulgaria 07.07.17-01.11.17 Operazione “Bulgarian Horse”

NATO Air Policing - Preservare l’integrità dello spazio aereo dell’alleanza rafforzando l’attività di sorveglianza dello spazio aereo della Bulgaria

Task Force Air 4° Stormo - Col. Moris Ghiadoni

4 Eurofigter provenienti dal:  4° Stormo di Grosseto, 36° Stormo di Gioia del Colle e 37° Stormo di Trapani.

Operativi dal 15.07.17

 

Inizio schieramento: 26.06.17

Advanced Team Logistico, personale del:

- 3^ Divisione Comando Logistico A.M.

- 3° Stormo di Villafranca

- 4^ Brigata Telecomunicazioni e Sistemi Difesa Aerea

- Assistenza al Volo di Borgo Piave

- PM

  

PIO: Cap. Orlando Fantozzi

 

Al momento non si conosce posta spedita in Italia

 

 

337) Mar Glaciale Artico 09.07.17-29.07.17 High North 17

Campagna di ricerca geofisica, geologia marina e oceanografica a cura della Marina Militare e dell’Istituto Idrografico della M.M. di Genova

Nave: Alliance

Comandante nave: C.F. Ettore Rocco

Capo Spedizione: C.F. Maurizio Demarte

 

Al momento non si conosce posta spedita in Italia

 

338) Libia 01.08.17-31.12.17  Missione Nauras

Missione navale italiana a supporto della Guardia costiera libica

02.08.17-07.08.17 la Nave Borsini attracca a Tripoli con a bordo:

- Nucleo Comando Operativo di Vertice Interforze

- Nucleo Squadra navale

per concordare l’attività di ricognizione e coordinamento con i Rappresentanti della marina e della Guardia Costiera Libica.

08.08.17-.....12.17  Nave Tremiti a Tripoli

nave supporto per il ripristino dei battelli della Guardia Costiera Libica

.....12.17-31.12.17 Nave Capri

 

Capo Missione:

01.08.17-31.12.17  C.F. Raffaele Mencucci

 

Presenza di personale della G.di.F.

 

A turno le navi della Missione Mare Sicuro

 

01.01.18 confluisce nella missione bilaterale (Vedi N° 341)

 

 

Al momento non si conosce posta spedita in Italia

 

 

339) Iraq 22.11.17-  attuale European Union Advisory Mission in Support of Securiry Sector Reform in Iraq -  EUAM-I

Avviata a seguito di una richiesta del Governo iracheno, è finalizzata a offrire assistenza sull’implementazione degli aspetti civili nell’ambito del “Programma di Riforma del Settore della Sicurezza” (Security Sector Reform Programme – SSRP).

EUAM IRAQ fornisce consulenza a livello strategico alle figure chiave del Ministero dell’Interno iracheno individuate nell’ambito del SSRP.

Hq Baghdad “Camp Dublin”

1° Hub addestramento internazionale di eccellenza in Iraq

Police Training Iraq (POTRAI)

 

Report Officer:

….02.19-  attuale Luca Costa

 

Head of Operations:

….05.19-  attuale Matteo Salvatori

 

Al momento non si conosce posta spedita in Italia

  

 

340) Niger 18.12.17- attuale Missione Assistenza e Supporto - MISIN

Il Governo ha autorizzato la “Missione bilaterale di supporto nella Repubblica del Niger - MISIN" (con area geografica di intervento allargata anche a Mauritania, Nigeria e Benin) al fine di incrementare le capacità volte al contrasto del fenomeno dei traffici illegali e delle minacce alla sicurezza, nell’ambito di uno sforzo congiunto europeo e statunitense per la stabilizzazione dell’area e il rafforzamento delle capacità di controllo del territorio da parte delle autorità nigerine e dei Paesi del G5 Sahel.

 

25.04.17-24.05.17 ITA-JFHQ attività di liaison e reconneissance  a Niamey - il Comandante e 4 ufficiali

18.12.17-01.01.18 ITA-JFHQ Team di ricognizione per futura missione a Niamey - il Comandante e 3 ufficiali

 

01.01.18 inizia missione MISIN

Base Aerea BA101 francese di Niamey

 

18.12.17-25.07.19 G.B. Antonio Maggi – Joint Force Headquarters.

25.07.19-13.02.20 G.B. Claudio  Dei

13.02.20-12.09.20 G.B.A. Marco Lant

12.09.20-01.04.21 G.B.A. Maurizio D’Andrea

01.04.21-15.12.21 G.B. Alessandro Grassano

15.12.21-07.07.22 G.B.A. Davide Cipelletti

07.07.22-  attuale  G.B. Liberato Amadio




Aiuti umanitari con ponte aereo Base UNHAD di Brindisi a Niamey:

KC 767 14° Stormo Pratica di Mare

C130J 46^ Aerobrigata Pisa

24.04.18 - 25.05.18 - 28.06.18 - 29.07.18 - 20.08.18 - 20.09.18 - 26.11.18 - 18.12.18 - 25.01.19- 20.01.20

 

Mobile Training Team MTT presso Scuola Gendarmeria Nazionale Nigerina

Carabinieri

 

------------------

 

- Gruppo Comando e Controllo

- Gruppo addestratori

- Gruppo addestratori in Mauritania presso il “Defence College”

- Team sanitario

- Personale del 8° Rgt Genio Guastatori “Folgore” di Legnago

- Personale Trasmissioni

- Squadra rilevazioni minacce chimiche-biologiche, radiologiche e nucleari CBRN

- Unita di Supporto

- Unita Foce protection

- Unità ISR Informazioni, sorveglianza, ricognizione

- GIS

- CIMIC

  

- 66° Rgt  Fanteria Aeromobile “Trieste” di Forlì.

- elicotteri NH-90 e AH-129D

- velivolo da trasporto C27J della 56^ Brigata Aviotrasportata dell’Aeronautica di Pisa.

 

Agosto 2021 - Corso di Diritto Internazionale Umanitario:

Corpo Militare Croce Rossa Italiana - Col. Fabio Strinati

Addetto Militare: Col. Franco Marlino

 

15.09.18 inizio attività

Mobile Training Teams (MTT): 

Team addestrativi di Esercito Italiano, Aeronautica Militare e Arma dei Carabinieri 

presso Scuola Gendarmeria Nazionale Nigerina

- 1° Reparto Infrastrutture Esercito di Torino

- 2^ Brigata Mobile Carabinieri di Livorno

- 6° Rgt Bersaglieri di Trapani

- 7° Rgt Carabinieri “Trentino Alto Adige” di Laives

- 8° Rgt Genio Paracadutisti Folgore di Legnago

- 9° Rgt Par. “Col Moschin” di Livorno

- 11° Rgt Trasmissioni di Civitavecchia

- 183° Rgt Par.  “Nembo” di Siena

- 185° Rgt Artiglieria Par. Ricognizione e Acquisizione Obiettivi RAO “Folgore” di Livorno

- 187° Rgt Paracadutisti di Livorno

- Centro Addestramento Paracadutisti (CAPAR) di Pisa

 

Special Operations Task Group SOTG “Victor”:

- 185° Rgt Artiglieria Par. Ricognizione e Acquisizione Obiettivi RAO “Folgore” di Livorno

  

Agosto 2021 - Corso di Diritto Internazionale Umanitario:

Corpo Militare Croce Rossa Italiana - Col. Fabio Strinati

Addetto Militare: Col. Franco Marlino

 

.....03.22-  attuale  Special Operations Task Group (SOTG) “Victor”

“Camp Aguelal” ad Arlit

Special Operations Task Unit (SOTU):

185° Rgt Paracadutisti Ricognizione Acquisizione Obiettivi (RAO) e GIS Gruppo Intervento Speciale Carabinieri.

addestramento delle Forze Armate e di Sicurezza nigerine

 

 

04.10.19 2 ufficiali presso “College de Defense du G5 Sahel” di Nouakchott in Mauritania

 

Realizzazione Base italiana:

....07.21- attuale 6° Rgt Genio Pionieri di Roma

 

Task Group Air Sahel:

04.05.22

Base Aerienne 101 Niaimey

C-27J

 

 

  

Buste intestate:

Missione Bilaterale di Supporto in Niger Il Comandante

(logo MISIN) Missione Bilaterale di Supporto in Niger

Timbri amministrativi:

Distaccamento Amministrativo Niamey (Niger)

Missione Bilaterale di Supporto in Niger

Missione Bilaterale di Supporto in Niger (MISIN)

IL COMANDANTE Gen.B.A. Maurizio D’ANDREA

 

 

 

Uso posta militare francese - 1^ data conosciuta 02.11.18

Postalizzazioni dall'Italia - 1^ data postale conosciuta: 08.04.20

 

 

341) Libia 01.01.18-  attuale  Missione Bilaterale di Assistenza e Supporto in Libia - MIASIT

Nasce dalla fusione e ampliamento delle varie missioni in Libia in atto al 31.12.17

 

La missione è intesa a fornire assistenza e supporto al Governo di Accordo nazionale libico ed è frutto della riconfigurazione, in un unico dispositivo, delle attività di supporto sanitario e umanitario previste dall’Operazione Ippocrate e di alcuni compiti di supporto tecnico-manutentivo a favore della Guardia costiera libica rientranti nell’operazione Mare Sicuro. La nuova missione ha l’obiettivo di rendere l’azione di assistenza e supporto in Libia maggiormente incisiva ed efficace, sostenendo le autorità libiche nell’azione di pacificazione e stabilizzazione del Paese e nel rafforzamento delle attività di controllo e contrasto dell’immigrazione illegale, dei traffici illegali e delle minacce alla sicurezza, in armonia con le linee di intervento decise dalle Nazioni Unite.

Il contingente comprende:

- personale sanitario
- unità per assistenza e supporto sanitario
- unità con compiti di formazione, addestramento consulenza, assistenza, supporto e mentoring    (compresi i Mobile Training Team)
- unità per il supporto logistico generale; unità per lavori infrastrutturali
- unità di tecnici/specialisti, squadra rilevazioni contro minacce chimiche-biologiche-radiologiche-- nucleari (CBRN), team per ricognizione e per comando e controllo
- personale di collegamento presso dicasteri/stati maggiori libici
- unità con compiti di force protection del personale nelle aree in cui esso opera

- personale Guardia di Finanza e della Marina a supporto della Guardia costiera libica nel porto di Abu Sitta.

 

Comando a Tripoli:

 

01.01.18-….11.18  G.B. Ignazio Lax

….11.18-31.07.19  G.B. Domenico Ciotti

31.07.19-21.10.19  G.B. Alessio Cavicchioli

21.10.19-24.08.20  G.B. Maurizio Fronda

24.08.20-20.09.21  Col. Roberto Vergori

20.09.21-  attuale   C.A. Placido Torresi

 

Force Protection Commander:

4° Rgt Rangers Alpini Paracadutisti di Verona

 

2 unità in Mauritania

 

Timbri amministrativi:

ITA LIAISON OFFICER MOD LIBICO - TRIPOLI -

MISSIONE BILATERALE DI ASSISTENZA E SUPPORTO IN LIBIA

MIASIT LIBIA

MIASIT Assistance and Support Mission Bilateral LIBYA

 

 

Postalizzazioni in Italia

1^ data postale conosciuta 03.11.18

 

 

 

- Operazione Ippocrate

Ospedale da campo ROLE 2 a Misurata

Medici e infermieri del policlinico Militare di Roma

Infermiere volontarie della C.R.I.

02.06.22 ridimensionato il personale medico/sanitario passando da ROLE 2 a ROLE 1

 

Comando  Task Force Ippocrate:

 

01.01.18-14.02.18 Col. Marco Iovinelli

14.02.18-27.08.18 Col. Gabriele Cosimo Garau

27.08.18-18.08.19 Col. Antonio Stasi

18.08.19-14.09.20 Col. Gianvito Tinelli

14.09.20-05.07.21 Col. Giovanni Giagheddu

05.07.21-05.03.22 Col. Nicola Perrone

05.03.22-  attuale  Col. Fabrizio Recchi

  

Force Protection:

01.01.18-14.02.18  9° Rgt Alpini dell’Aquila -  

14.02.18-12.09.18  3° Rgt Bersaglieri di Capo Teulada

12.09.18-....02.19  1° Rgt San Marco - C.F. Fernando Cianci - V.Comandante T.F. Ippocrate

.….02.19-15.08.19  10° Btg “Bezzecca” 7° Rgt Bersaglieri di Altamura

15.08.19-.…02.20  3° Rgt Savoia Cavalleria di Grosseto

…..02.20-….09.20

…..09.20-05.07.21 5° Rgt Alpini di Vipiteno 

05.07..21-05.03.22 3° Rgt Savoia Cavalleria di Grosseto - Col. Nicola Perrone

05.03.22-  attuale   4° Rgt Carri di Persano - Col. Fabrizio Recchi

 

 

 

01.01.18-  attuale  personale Brigata Paracadutisti Folgore

 

PL Combat Service Support:

Team CIS (C4)

Team CBRN

Team IEDD

Team RAVEN

  

Buste intestate a mano:

Task Force Ippocrate 6 C/7° Rgt Bersaglieri

Buste intestate:

Task Force Ippocrate 3 Distaccamento Amministrativo Misurata (Libia)

Task Force Ippocrate 4 Distaccamento Amministrativo Misurata (Libia)

Task Force Ippocrate Distaccamento Amministrativo

TASK FORCE “IPPOCRATE” 9” Cellula S4 Gestione Patrimoniale

Missione Bilaterale di Assistenza e Supporto in Libia Distaccamento Amministrativo Misurata (Libia)

Timbri amministrativi:

ITA NCC Command

Task Force “Ippocrate”

Task Force “IPPOCRATE”

Task Force Ippocrate “3”

Task Force “Ippocrate”  (nel passaggio fra 3 e 4 è stato modificato eliminando il 3”)

Task Force Ippocrate “4”

Task Force Ippocrate - Task Force Ippocrate

Task Force Ippocrate 5 - Task Force Ippocrate 5

Task Force “Ippocrate 6” Misurata (Libia)

TASK FORCE “IPPOCRATE” MISURATA - LIBIA indirizzo posta istituzionale PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. CELLULA S4

1° Reggimento San Marco

5° REGGIMENTO ALPINI VIPITENO

7° Reggimento Bersaglieri X° Battaglione Bersaglieri “Bezzecca”

Missione Bilaterale di Assistenza Supporto Italiano in Libia Task Force Ippocrate “8”

Missione Bilaterale di Assistenza Supporto Italiano in Libia Task Force Ippocrate “9”

Missione Bilaterale di Assistenza Supporto Italiano in Libia Task Force “Ippocrate”

Task Force Ippocrate - Task Force Ippocrate

MISURATA (LIBIA)

ITALIAN FIELD HOSPITAL MISURATA – timbro ovale

  

 

↑ annullo modificato 

 

Postalizzazioni in Italia:

Prima data postale conosciuta: 26.02.2018

 

 

Missione bilaterale di assistenza alla Guardia costiera della Marina militare libica

Protocollo per la cooperazione tra l'Italia e la Libia 29 dicembre 2007 in materia di immigrazione clandestina e tratta degli esseri umani;

Protocollo aggiuntivo tecnico-operativo, siglato in data 29 dicembre 2009 (che prevedeva e lo svolgimento di attività addestrativa del personale della Guardia costiera libica e di pattugliamento a bordo delle unità cedute, nonché la manutenzione ordinaria delle 4 unità navali cedute dal Governo italiano al Governo libico pro tempore tra la fine del 2009 e l'inizio del 2010);

Memorandum d'intesa sulla cooperazione nel campo dello sviluppo del contrasto all'immigrazione illegale al traffico di esseri umani del 2 febbraio 2017, nonché nel D.L. n. 84/2018.

il D.L. n. 84/2018 ha previsto la cessione a titolo gratuito di complessive 12 unità navali al fine di incrementare la capacità operativa della Guardia costiera del Ministero della difesa e degli organi per la sicurezza costiera del Ministero dell'interno libici nelle attività di controllo e di sicurezza per il contrasto dell'immigrazione illegale e della tratta di esseri umani. Più in dettaglio sono state cedute:

n. 10 unità navali CP, classe 500, fra quelle in dotazione al Corpo delle capitanerie di porto - Guardia costiera;

n. 2 unità navali, da 27 metri, classe Corrubia, fra quelle in dotazione alla Guardia di finanza.

Il richiamato D.L. prevede la manutenzione delle singole unità navali cedute e per lo svolgimento di attività addestrativa e di formazione del personale della Guardia costiera del Ministero della difesa e degli organi per la sicurezza costiera del Ministero dell'interno libici.

L'Italia partecipa alla missione con 39 unità di personale della Guardia di Finanza e 8 unità dell'Arma dei Carabinieri.

Per la sicurezza dei militari della Guardia di Finanza: 8 militari del Rgt Paracadutisti “Tuscania”

 

Sono confluiti inoltre fra i compiti di questa nuova missione anche quelli di supporto alla Guardia costiera libica, in particolare il ripristino dei mezzi aerei e degli aeroporti libici, originariamente demandati al dispositivo aeronavale nazionale Mare Sicuro.

 

Ex missione Nauras (vedi n. 338)

Nave supporto per il ripristino dei battelli della Guardia Costiera Libica 

 

Base Navale Abu Sittah:

 

01.01.18-30.03.18 Capri

30.03.18-12.07.18 Caprera - T.V. Oscar Altiero

12.07.18-24.11.18 Gorgona

24.11.18-05.03.19 Lipari - T.V. Giuseppe Volpe

05.03.19-.....06.19 Capri

….06.19-24.09.19 Caprera

24.09.19-27.01.20 Pantelleria

27.01.20-14.05.20 Gorgona - T.V. Giuseppe Buonfante

14.05.20-14.08.20 Pantelleria

14.08.20-............  Lipari - T.V. Francesco Pala

 

 

Capo Missione:

 

01.01.18-……...19  C.F. Raffaele Mencucci

……....19-……….     C.F. Mario Giancarlo Lauria

……...…..-16.08.20 C.F. Marco Mazzini

16.08.20-  attuale   C.F. Federico Piero Gemignani

 

 

Presenza di personale della G.d.F.:

2018 35 elementi

2019 35 elementi

 

 

 

Timbri amministrativi:

Moto Trasporto Costiero Caprera

  

Postalizzazioni in Italia

1^ data postale conosciuta 27.02.18 

 

342) Estonia 10.01.18-09.05.18 NATO Air Policing – Operazione “Baltic Eagle”

Con l’avvio dell’operazione “Baltic Eagle”, l’Aeronautica Militare italiana ha contribuito alla difesa aerea estone nell’ambito della missione NATO di Air Policing, il cui obiettivo era quello di preservare lo spazio aereo alleato assicurando le connesse esigenze addestrative del Paese

Dal 20.02.18 anche Lettonia e Lituania.

 

Task Force Air 36° Wing Baltic Eagle

- 2 Eurofighter del 36° Stormo di Gioia del Colle

- 2 Eurofighter del 4° Stormo di Grosseto

Presso aeroporto Amari – Tallin

 

Col. Zaniboni Eros

 

Timbri amministrativi:

TFA 36th Wing Amari - Estonia

 

Uso di posta locale

1^ data conosciuta 23.02.18

 

343) Mar Glaciale Artico 17.01.18-06.04.18

Missione Scientifica con il “Centre for Maritime Researc and Experimentation NATO” per sostenere l’attività di ricerca a supporto dell’Organizzazione internazionale “Woods Hole Oceangraphic Istitution”

Nave Alliance

Comandante nave: C.F. Daniele Cantù

Capo Missione Scientifica : C.v. Massimiliano Nannini

 

Timbri amministrativi:

Nave Alliance

 

Prima data conosciuta 06.02.18

Uso di poste Islandesi

 

344) Mar Mediterraneo 01.02.18-  attuale Joint Operation THEMIS

Controllo immigrazione -

Sostituisce l' Operazione "Triton" - Finanziata e Coordinata dall' Agenzia FRONTEX 

 

Attualmente non vi sono navi operative

 

345) USA 20.02.18-26.04.18 Campagna Blazing Shield

Attività di “Operational Test & Evaluation”  sul “Advanced Anti Radiation Guided Missile” e del Tornado ECR.

 

Base: China Lake in California

Reparto Autonomo di Volo (RAV):

Col. Marco Bertoli - Comando Forze Combattimento

220 militari di diversi Enti dell’ A.M.

 

- 4 Tornado ECR - 6° Stormo di Ghedi

- 4 Eurofighter Typhoon - 4° Stormo di Grosseto - 36° Stormo di Gioia del Colle - 37° Stormo di Trapani Birgi

- C-27J Spartan - 46^ Aerobrigata Aerea di Pisa

 

A supporto della traversata:

- Tanker KC-767° del 14° Stormo di Pratica di mare

- 1 C-130J della 46^ Aerobrigata di Pisa in funzione SAR oceanico

 

Buste intestate a mano:

Reparto Autonomo di Volo China Lake (CA) - U.S.A.

 

Uso di posta locale

Prima data conosciuta 09.04.18

 

 

346) Oceano Indiano - Mar Arabico 20.02.18-03.04.18 Campagna di Cooperazione Multinazionale - Operazione M.O.M.A. Medio Oriente e Mar Arabico

Garantire una qualificata presenza in Paesi esteri con cui l’Italia intrattiene importanti rapporti politico-diplomatici, economici e cooperazione militare.

Promozione in modo integrato del “Sistema Italia”

 

Fregata Carlo Margottini - C.F. Giuseppe Lai

 

Tappe:

22.02.18-24.02.18 Souda in Grecia

02.03.18-03.03.18 Djibouti

08.03.18-10.03.18 Karachi in Pakistan

12.03.18-15.03.18 Qatar per partecipare a Doha al “DIMEX 18”

16.03.18-20.03.18 Kuwait City

21.03.18-23.03.18 Damman in Arabia

24.03.18-29.03.18 Dubai E.A.U.

03.04.18 Djibouti per assumere il Comando dell’Operazione Atalanta.

 

Timbri amministrativi:

Fregata Carlo MARGOTTINI

 

L’unica busta conosciuta reca la dicitura sulla lettera acclusa “bordo 28 marzo 2018” e postalizzata in Italia con annullo “Roma Fiumicino 21.05.18”

 

⇑ Collezione Vasco Francesco

 

 

347) Nord America - Oceano Atlantico 02.05.18-06.07.18 Campagna Navale

Attività di Naval Diplomacy a favore del “Sistema Italia”

Nave Alpino - C.F. Davide Da Pozzo

 

Tappe:

07.05.18-08.05.18 Rota Spagna

07.05.18-09.05.18 Attività di ricerca naufraghi della Bright nel tratto di mare tra le Azzorre e il Portogallo - elicottero SH90

18.05.18-24.05.18 Norfolk USA

27.05.18-31.05.18 Baltimora USA

01.06.18-05.06.18 New York USA

08.06.18-12.06.18 Boston USA

23.06.18-25.06.18 Cadice Spagna

 

 

 

Al momento non si conosce posta spedita in Italia

 

348) Mar Glaciale Artico 07.07.18-24.07.18 Campagna Artica di Geofisica Marina “High North 18”

Consolidare e ulteriormente sviluppare i risultati della ricerca scientifica delle precedenti missioni.

Centro di Ricerca a Sperimentazione Marittima della NATO di La Spezia con la collaborazione dei principali enti di ricerca nazionali (CNR, ENEA, OGS, INGV, ERI), internazionali (Università Sorbona di Parigi e Norwegian FFI) e con rappresentanti dell’industria nazionale (e-GEOS e IDS)

 

Nave Alliance, partenza e arrivo dal porto di Tromso in Norvegia.

Comandante nave: C.F. Daniele Cantù

Capo Missione Scientifica: C.V. Massimiliano Nannini

 

Al momento non si conosce posta spedita in Italia

 

Al momento non si conosce posta spedita in Italia

349) Repubblica Centrafricana 12.07.18-  attuale European Union Training Mission Repubblica Centrafricana - EUTM RCA

L'obiettivo della missione è supportare l'attività formativa a favore delle Forze di Sicurezza della Repubblica centrafricana ( Forces Armees Centrafricaines - FACA), nell'ambito della Politica di Sicurezza e di Difesa Comune (PSDC) dell'Unione Europea (Decisione del 19 aprile 2016 del Consiglio). In particolare, le attività sono indirizzate all'addestramento e all'equipaggiamento delle FACA, nell'ambito di uno sforzo congiunto europeo, il cui obiettivo è il rafforzamento delle capacità di controllo delle aree critiche del Paese.

 

L'Italia contribuisce con 3 unità inquadrate nello Staff del Mission Force Head Quarter (MFHQ) a Bangui presso Compound ONU della Missione MINUSCA.

 

Senitoff:

….08.18-….01.19 T.C. Volpe Mauro - AM

….02.19-….08.19 T.C. Luciano Mauro - EI

….09.19-….03.20 TC. Turchetti Marco - EI

….04.20-….07.20 Cap. Loprete Danilo - EI

….07.20-….03.21 TC. Carvaruso Fabrizio - AM

….03.21-.............. Cap. Carratta Carlo – EI

.............-  attuale  Magg. Roberto Pretolani

 

 

Timbri amministrativi:

EUTM RCA

 

Uso di posta militare francese

1^ Data postale conosciuta 01.10.18

 

350) Francia 06.08.18-  attuale Rappresentanza Aeronautica Militare Italiana di Avord

Corsi di pilotaggio, finalizzato all’acquisizione delle capacità necessarie ad operare sui velivoli plurimotori, consentirà ai frequentatori di ottenere il “Brevetto di Pilota Militare” e, una volta tornati in patria, i neo brevettati saranno assegnati alle varie linee di impiego sui velivoli di supporto dell’A.M.

 

Sede della scuola di trasporto dell’Aeronautica Militare francese (Ecole de L’Aviation de Transport dell’Armée de L’Air)

 

Capo RAMI:

06.08.18- attuale  T.C.P.  Andrea Radicchi

 

Non esistono buste intestate e timbri amministrativi

Carta da lettere intestata: Rappresentanza Aeronautica Militare Italiana - Avod

 

 

Uso di posta locale

1^ data conosciuta 13.03.19

 

351) Tunisia 01.09.18- in corso NATO Mission Tunisia

Sviluppo capacità interforze (joint) delle forze armate tunisine.

3 militari

 

17.09.18-21.09.18 Joint Mobile Training Team  - Allied Joint Force Command Naples

Lo JMTT ha formato 18 donne e uomini tunisini in tutti gli aspetti della leadership, della consulenza, della comunicazione, etica e orientamento NATO

2 elementi del Btg Signal NATO

Base aerea di Al Aouina a Tunisi

 

2019 nessuna presenza

2021 15 istruttori militari

 

Rappresentante NATO: C.V. Paolo Fantoni

 

 

Uso posta locale

1^ data conosciuta 17.04.19

 

352) Islanda 05.09.18-11.10.18 Operazione Interim Air Policing “Northern Stork”

Preservare l’integrità dello spazio aereo della NATO

 

Operabilità 11.09.18 

La Task Force Air 37th Wing: composta da piloti, personale tecnico e logistico, un team di Controllori della Difesa Aerea del Comando Operazioni Aeree ( 11° Gruppo DAMI di Poggio Renatico - 22° Gruppo radar di Licola) e team di Force Protection, impiega quattro velivoli caccia intercettori Eurofighter e piloti del 4° Stormo di Grosseto, 36° Stormo di Gioia del Colle e 37° Stormo di Trapani schierati sulla Base aerea di Keflavik (ISL).

L'Air Policing viene svolta nell'ambito dell'area di responsabilità del Comando Operativo Alleato della NATO (Allied Command Operation - ACO) di stanza a Bruxelles e viene coordinata dal Comando Aereo (Air Command) di Ramstein (GER).

 

Movement & Transportation (M&T):

- C130J 46^ Aerobrigata di Pisa

- KC767 14° Stormo di Pratica di Mare

- personale dell’ AMOU Air Mobility Operations Unit - 3° Stormo di Villafranca

 

Comandante: Col. Daniele Mastroberti

 

Buste intestate: 

NATO Enhanced Air Policing Task Force Air 37 th Wing Northern Stork 

Timbri amministrativi

Aeronautica Militare Task Force Air 37 th Wing - Keflav (IS)

 

 

Uso di posta locale - unica data postale conosciuta 09.10.2018

 

 

353) Iraq 31.10.18- in corso NATO Training Mission  Iraq   - NTM-I

Come deciso nell'ultimo Summit dell’Alleanza Atlantica, tenutosi a Bruxelles l’11 e il 12 luglio, si tratta di una missione volta a prolungare e rafforzare il supporto al paese partner formando gli addestratori delle Forze di Sicurezza irachene, secondo il concetto “training the trainers”, nei seguenti settori: C-IED, medicina militare, cooperazione civile-militare e manutenzione dei veicoli corazzati.

 

Sotto il Comando del Joint Force Command di Napoli

L'attuale contributo nazionale, dislocato a Baghdad, prevede un impiego massimo di 10 militari dei quali un Senior Staff advisor– Prime Minister National Operation Center, un Advisor pressoil ministerial advisory and liaison eMTTcon capacità civil military planning e c-ied e, su richiesta della NATO,unaLAIR Mobile Task su Erbil.

 

IT SNR: 

31.10.18-07.10.19 Col. Carlo Libanori

07.10.19-12.08.20 Col. Sergio Marrone

12.08.20-....02.21 Col. Brero Domenico

.....02.21-12.09.21 Col. Fabrizio Zacchè

12.09.21-  attuale  Col. Domenico Sermon

 

 

Comando missione:

10.05.22-  attuale  G.D. Giovanni Maria Iannucci

 

 

01.05.22-  attuale Detachment del Task Group Griffon:

Airmobile Task Group “Griffon”, equipaggiato con gli UH-90A

è inquadrato nell’Italian National Contingent Land di stanza ad Erbil

Base aerea Ayn al Asad situata nel governatorato di Al Anbar nell'Iraq occidentale

 

01.05.22- 12.09.22 Cap. Dino Valmori

12.09.22-  attuale   T.C. Mirco Drudi

 

Al momento non si conosce posta spedita in Italia

  

354) Oceano Indiano, Medio Oriente e Mar Arabico 17.01.19-08.03.19 Campagna a supporto interessi nazionali e del Sistema-Paese

Svolgere attività di presenza e sorveglianza a tutela delle linee di  traffico marittimo di interesse nazionale.

La campagna rientra, inoltre, nell’ambito delle attività  svolte nel settore della cooperazione multinazionale e del dialogo tra i Paesi dell’area con cui l’Italia intrattiene importanti rapporti politico-diplomatici, economici e industriali, rappresentando, dunque, un'importante occasione per promuovere in modo integrato il “Sistema Paese”, affiancando e supportando le attività di importanti rappresentanti dell’industria nazionale per la difesa come FincantieriLeonardoMBDA ed Elettronica, la cui collaborazione con la Marina Militare e la Difesa ha reso possibile la stessa campagna.

Nei vari porti che toccherà la nave Margottini prenderà parte all’esercitazione “Aman 2019” con la marina pakistana (insieme ad altri 19 paesi) e parteciperà anche alla “Naval Defence Exhibition” ad Abu Dhabi (NAVDEX 2019) nell’ambito dell’ “International Maritime Defence Exhibition & Conference” (IDEX 2019).

 

FREM Carlo Margottini - C.F. Marco Guerriero

 

Tappe:

17.01.19 partenza da La Spezia

21.01.19 Souda - Grecia

28.01.19-31.01.19 Djibouti

07.02.19-12.02.19 Karachi - Pakistan

14.02.19-21.02.19 Abu Dhabi - E.A.U.

23.02.19-25.02.19 Dammam - Arabia Saudita

26.02.19-01.03.19 Kuwait City - Kuwait

02.03.19-05.03.19 Doha - Qatar

07.03.19-08.03.19 Muscat - Oman

Dal 09.03.19 partecipa all’Operazione Atalanta

 

 

 

Al momento non si conosce posta spedita in Italia

 

355) Islanda 11.03.19-11.04.19 NATO Enhanced Air Policing

Gli aerei Eurofighter dell’Aeronautica Militare sono arrivati ​​alla base aerea di Keflavik in Islanda per fornire le capacità di intercettazione aerea NATO e per soddisfare le esigenze di controllo e sorveglianza dello spazio areo dell’Islanda.

 

 

Base aerea di Keflavik

Tornado 36° Stormo di Gioia del Colle

Col. Daniele Porelli

 

Non esistono timbri amministrativi ne buste con carta intestata

 

Postalizzazioni al rientro in Italia - unica data 18.05.19 da Roma

 

356) Mozambico 24.03.19-25.03.19

Operazione umanitaria a seguito ciclone Idai

C130J   46^ Aerobrigata di Pisa

KC-767A 14° Stormo di Pratica di Mare

 

357) Romania 03.05.19-17.08.19 NATO Interim Air Policing - Operazione “Blak Shield” 

La missione della TFA 4th Wing ha come obiettivo quello di concorrere all'integrità dello spazio aereo della Romania, rafforzando l'attività di sorveglianza normalmente svolta dai Mi-21 della Forṱele  Aeriene Romậne, con un dispositivo di difesa integrato con i velivoli Eurofighter italiani.

 

Base aerea di Kolganiceanu

14.05.19 inizio attività - fine attività 17.08.19 - rientro in Italia 06.09.19

Task Force Air 4thWing “Black Shield”

4° Stormo di Grosseto - 36° Stormo di Gioia del Colle - 37° Stormo di Trapani

4 Eurofighter Typhon

Polizia Militare: 2 CC

Col. Andrea Fazi

 

Timbri amministrativi:

TFA 4th Wing- Romania Ufficio Comando

 

Postalizzazioni al rientro in Italia  - 1^ data conosciuta 26.08.19 da Grosseto

 

358) Italia 19.07.19-  attuale European Union Amphibious Battle Group (EUABG)

Forza a guida italiana e nello specifico a lead Marina Militare in quanto detiene il Comando della SIAF (Spanish Italian Amphibious Force) dal 19.07.19, offerta in prontezza per il secondo semestre del 2020.

In caso di decisione politica di attivazione per operazione, il Battle Group (BG) è in grado di intervenire entro i 6000 km da Bruxelles, su paesi costieri, raggiungendo il teatro operativo entro un arco di tempo compreso tra i 5 e i 10 giorni dall'ordine di operazione.

Le missioni assegnabili al BG sono diverse: Prevenzione dei conflitti (CP), Operazioni di evacuazione (NEO), Assistenza alle Operazioni Umanitarie (HA),  Concorso in operazioni di Stabilization and Reconstruction (SR) e Separazione dei contendenti (SOPF).

 

Comando:

01.07.20-02.07.21 C.A Alberto Sodomaco (anche Comandante SIAF - vedi n° 174)

 

Al momento non si conosce posta

 

359) Islanda 23.09.19-24.10.19  NATO di Interim Air Policing -  Operazione  Northern Lightning

L'Air Policing (AP) è una capacità di cui si è dotata la NATO a partire dalla metà degli anni cinquanta e consiste nell'integrazione in un unico sistema di difesa aerea e missilistico della NATO dei rispettivi e analoghi sistemi nazionali messi a disposizione dai paesi membri. L'attività di Air Policing è condotta sin dal tempo di pace e consiste nella continua sorveglianza e identificazione di tutte le violazioni all'integrità dello spazio aereo NATO, alle quali si fa fronte prendendo le appropriate azioni utili a contrastarle, come ad esempio lo "scramble", il decollo rapido di velivoli caccia intercettori.

 

Aeroporto di Keflavik

Task Force Air 32nd Wing - operativi dal 05.10.19 -  Rientro in Italia 01.11.19

Col. Stefano Spreafico

 

Prima volta dell'impiego di caccia di quinta generazione. L'Italia ha il privilegio di essere il primo paese dell'Alleanza ad impiegare in un'operazione NATO il velivolo F-35.
Sei F-35 del 32° Stormo di Amendola.

Personale tecnico e logistico

Team di Controllori della Difesa Aerea del Comando Operazioni Aeree di Poggio Renatico.

Per la sicurezza team del 16° Stormo “Fucilieri dell’Aria” dell’Aeronautica Militare di Martina Franca , coadiuvato da personale “Force Protection” del 32° Stormo.

La 46^ Brigata Aerea di Pisa ed il 14° Stormo di Pratica di Mare, con l’utilizzo dei vettori C-130J e KC 767, ha effettuato il trasporto di personale e materiale, garantendo inoltre il rifornimento in volo ai velivoli F-35 mentre il 41° Stormo di Sigonella che con il pattugliatore P-72 ha effettuato il compito di SAR oceanico assicurando la sicurezza nella traversata verso l’Islanda.

 

Al momento non si conosce posta spedita in Italia

 

360) Mar Glaciale Artico 27.10.19-13.11.19 Campagna High North 19

Programma pluriennale di Ricerca in Artico della Marina Militare coordinata e condotta dall’Istituto Idrografico della Marina, con la partecipazione di enti quali: NATO STO-CMRE, JRC Centro di Ricerca U.E., Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie energia sviluppo economico (ENEA), Istituto Nazionale di geofisica e vulcanologia (INGV), Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale (OGS), European Research Istitute (ERI) e industria (GEOS).

 

 

Partenza da Tromso in Norvegia

Arrivo a Bergen in Norvegia

 

Nave: Alliance

C.F. Andrea Crucitti

 

 

 

 

Al momento non si conosce posta spedita in Italia

 

361) Albania 26.11.19-18.12.19

Assistenza post terremoto - trasporto e assistenza assetti della Protezione Civile e dei VVFF.

- Elicottero CH47 - Esercito

- Aereo C130  - 46^ Aerobrigata di Pisa

- Velivolo P180  - 31° Stormo di Ciampino

- Elicottero UH139  - Aviazione Militare

 

Marina Militare

- Nave Dattilo

- Elicottero

 

VV.FF. rientrano il 01.12.19

Protezione Civile il 18.12.19

Task Force Unite4Heritage - Carabinieri Comando Tutela del Patrimonio

 

 

362) Cina 02.02.20-07.09.20  ponte aereo rientro connazionali - - emergenza sanitaria

Rientro connazionali a causa epidemia “Corona virus” in Cina

02.02.20 da Wuhan in Cina

Volo organizzato dall’Unità di Crisi del Ministero degli Affari Esteri e operato dal Comando Operativo di Vertice Interforze.

- velivolo KC-767A 14° Stormo A.M. di Pratica di Mare

- personale del “Gruppo di Protezione Medica” dell’Infermeria Principale dell’ A.M.

Alloggiati nelle strutture del Centro Sportivo Olimpico dell’esercito con il supporto di:

- Team medici e infermieri del Policlinico Militare “Celio” di Roma

- 8° Rgt Trasporti “Casilina” (fornitura pasti)

- assetto specialistico del 7° Rgt Difesa CBRN “Cremona” (decontaminazione)

 

09.02.20 da Brize Norton in UK

- velivolo KC-767A 14° Stormo A.M.

 

15.02.20 da Wuhan in Cina

- velivolo KC-767A 14° Stormo A.M.

 

22.02.20 - E' atterrato alle 6.37 all'aeroporto di Pratica di Mare il velivolo dell'Aeronautica militare KC-767A del 14° Stormo con i diciannove italiani provenienti dal Giappone. I connazionali, dopo aver terminato le visite, saranno trasferiti presso il Centro Sportivo dell'Esercito alla Cecchignola.

  

03.03.20 La Marina Militare ha partecipato alle operazioni di recupero dei passeggeri italiani e stranieri a bordo della nave “Diamond Princess” attraccata nel porto di Yokohama, inviando proprio personale sanitario.

Due ufficiali medici e un sottufficiale infermiere hanno collaborato con il team sanitario di bio-contenimento dell’aeronautica militare, coordinato dal colonnello medico Marco Lastilla, che partendo dall’aeroporto di Pratica di Mare ha raggiunto Tokyo.

Lì erano già presenti specialisti dell’Esercito e dell’Ospedale Spallanzani inviati per eseguire gli esami di laboratorio nei confronti dei connazionali ed europei da rimpatriare.

Una volta accertata la negatività da infezione da Coronavirus, il dispositivo messo in piedi dal Sistema Paese ha fatto ritorno in Italia dove tutti sono stati sottoposti ai previsti controlli ed avviati presso le strutture della città militare della Cecchignola per il periodo di osservazione previsto.

07.03.20 Per l'emergenza coronavirus, il Ministero della Difesa ha messo a disposizione delle Istituzioni degli elicotteri HH-101A, operati da equipaggi del 9° Stormo di Grazzanise e del 15° Stormo di Cervia. Questi elicotteri sono in grado di caricare e trasportare delle speciali barelle isolate, A.T.I. (Aircraft Transit Isolator), progettate specificamente per il trasporto aereo in biocontenimento di pazienti altamente infettivi.

 

 

20.03.20 Sono atterrati presso l'aeroporto di Pratica di Mare - due velivoli dell'Aeronautica Militare, uKC-767 del 14° Stormo ed un C-130J della 46^ Brigata Aerea, partiti da Colonia, in Germania, con un carico di circa sette tonnellate di attrezzature per l'assistenza respiratoria ed altri apparati di supporto e materiale sanitario per affrontare l'emergenza Coronavirus.
Il materiale, destinato alla Protezione Civile, sarà distribuito alle strutture ospedaliere maggiormente in difficoltà per l'emergenza sanitaria in atto nel Paese.

 

22.03.20 – Due velivoli della Aeronautica Militare hanno trasportato in Italia un nuovo carico di respiratori e materiale sanitario destinato agli ospedali del settentrione maggiormente colpiti dall’emergenza. In particolare, un C-130J della 46^ brigata aerea di Pisa è volato nella notte a Dusseldorf, in Germania,  dove ha imbarcato un carico di respiratori per trasportarlo nell’aeroporto di Bergamo Orio al Serio, dove è giunto questa mattina alle prime luci dell’alba. Intorno a mezzogiorno invece, il KC-767A del 14° Stormo di Pratica di Mare proveniente da Instabul è atterrato a Malpensa con a bordo circa diecimila libbre di materiale sanitario giunto dalla Cina. Le apparecchiature ed il materiale sanitario saranno impiegate per sostenere le necessità degli ospedali del Nord Italia in prima linea nella lotta contro il Covid19.

 

 

23.03.20 Un velivolo dell’Aeronautica Militare C-130J decollato da Bergamo con destinazione Lipsia in Germania per trasporto pazienti infetti.

26.03.20 Un velivolo dell’Aeronautica Militare C-130J decollato da Bergamo con destinazione Dresda in Germania per trasporto pazienti infetti

 

05.04.20 Dieci connazionali, provenienti dalla missione in Gibuti, hanno fatto rientro grazie alla collaborazione tra Ministero della Difesa e Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. I connazionali hanno potuto usufruire del vettore dell’Aeronautica Militare, pianificato per il rientro dei militari di stanza in Gibuti appartenenti alla Base Militare Italiana di Supporto (BMIS) e alla Missione bilaterale di Addestramento delle Forze di Polizia somale e gibutiane (MIADIT).

 

06.05.20 E’ decollato il velivolo KC-767° dell’Aeronautica Militare da Pratica di Mare per riportare in Italia un connazionale bloccato in Guinea Equatoriale. Il volo militare in alto biocontenimento, organizzato su richiesta del Ministero Affari Esteri e la Cooperazione Internazionale dal Ministero Difesa.

 

06.05.20 Supporto sanitario in Bosnia

01.07.20 Invio mascherine in Niger

10.07.20 Invio mascherine in Niger

07.09.20 Supporto alla popolazione nigeriana

 

 

⇑ Collezione Francesco Vasco

 

362A) Mediterraneo 02.02.20-  attale Rafforzamento Presenza Navale in Mediterraneo Orientale - MEDOR

Le difficili relazioni connesse alle aree marittime contese nel MEDOR, con particolare riferimento alla Zona Economica Esclusiva (ZEE) di Cipro e le rivendicazioni della Turchia in merito allo sfruttamento delle risorse energetiche in tale bacino, hanno provocato un progressivo deterioramento delle relazioni tra i paesi della regione. In tale prevedendo: - una postura bilanciata con Cipro e Turchia, senza provocare dinamiche escalatorie o situazione di confronto con eventuali assetti turchi presenti in area; - un bilanciamento delle presenza in area in sinergia con la Marina francese; - lo svolgimento di attività addestrative con le forze armate cipriote, in linea con il vigente accordo quadro nel settore delle difesa e anche con altre marine alleate presenti in MEDOR, condotte a livello bilaterale o multilaterale nel quadro del meccanismo di coordinamento denominato Quadripartite Cooperation (QUAD).

La presenza nazionale nel MEDOR si è concretizzata con:

- 02.02.20-14.02.20 FASAN con sosta in porto Larnaca (CYP) dal 09 al 10 .02.20

- 20.08.20-21.09.20 SAN GIUSTO (ambito Op. Emergenza Cedri) con sosta in porto a Beirut (LIB) dal 22.08.20 al 20.09.20

- 20.08.20-25.08.20 ETNA (ambito campagna addestrativa allievi MRS e supporto popolazione libanese) dal 20 al 25.08.20 con sosta in porto Beirut (LIB) il giorno 24.08.20

- 18.08.20-06.09.20 DURAND DE LA PENNE con sosta a Souda (GRE) dal 19 al 20.08.20

- 03.12.20-10.12.20 Gruppo Navale composto dalla GARIBALDI,  BERGAMINI e ALPINO (ambito rientro in patria da AOO ATALANTA), con sosta in porto Larnaca (CYP) per la BERGAMINI dal 05 al 06.12.20.

 

 

363) Golfo di Guinea 18.02.20-  attuale  Missione Gabinia

La Marina Militare continua ad assicurare la presenza in mare per garantire la sicurezza in aree sensibili dove continuano a presentarsi minacce alla sicurezza marittima e alla libera circolazione del traffico mercantile.

 

In precedenza:

18.08.18-02.09.18 Durand de la Penne C.V. Armando Simi (partenza dall’Italia 23.07.18 - rientro 23.09.18

Missione di presenza, sorveglianza e naval diplomacy Golfo di Guinea

2019 - Mobile Training Team Brigata Marina San Marco su nave US Africom

 

 

 

10.03.20-05.06.20 Luigi Rizzo (partita dall’Italia 18.02.20) - Base logistica ad Accra in Gana

18.09.20-20.12.20 Martinengo - C.F. Daniele Ruggieri (partita dall’Italia 03.09.20) - Base logistica ad Accra in Gana e a Pointe-Noire in Congo

23.02.21-18.06.21 Luigi Rizzo - C.F. Dario Castelli (partita dall’Italia e rientro)

03.09.21-23.12.21 Marceglia - C.F. Francesco Ruggiero (partita dall’Italia e rientro)

Componenti specialistiche imbarcate: (Elicotteri SH-90, team della Brigata Marina San Marco e il team EOD del Gruppo Operativo Subacquei del Comando Subacquei ed Incursori

07.03.22-26.06.22  Luigi Rizzo - C.F. Andrea Cecchini (partita dall’Italia 24.02.22)

15.09.22-02.11.22 Marceglia (05.09.22 partita da La Spezia – 07.11.22 rientro in Italia)

20.10.22-  attuale  Borsini – C.F. Carlo Corso

 

 

Buste intestate:

Nave Luigi Rizzo

Timbri amministrativi

Nave Federico MARTINENGO

NAVE LUIGI RIZZO

 

Prima data conosciuta: a bordo 02.12.20

Corrispondenza tramite E-mail 17.10.20

 

 

364) Croazia  23.03.20-....04.20  Terremoto

Aiuti alla Croazia

Rgt Logistico Pozzuolo del Friuli di Remanzacco

5 mezzi militari pesanti e 1 della Protezione Civile del Friuli V.G. con a bordo 12 militari e 2 volontari - 30 tende per allestire 240 posti letto.

 

365) Mediterraneo 01.04.20-  attuale EuNavForMed IRINI

La missione nasce dalla volontà espressa dai partecipanti alla conferenza di Berlino sulla Libia del 19 gennaio 2020 di impegnarsi   a rispettare e dare piena attuazione all’embargo sulle armi istituito dalle Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (UNSCR) 1970 (2011), 2292 (2016) e 2473 (2019).

Implementazione embargo ONU sulle armi alla Libia attraverso uso di assetti aerei, satellitari e navali.

Sostituisce la Missione EUNAVFORMED SOPHIA

Attiva dal 04.05.20

HQ: Roma

Il Comando in mare (Force Commander) viene assegnato ogni sei mesi a rotazione tra Italia e Grecia in concomitanza della rotazione della nave ammiraglia.

Attualmente la missione può contare su 3 unità navali (Francia, Grecia e Italia); team maltese per l’abbordaggio di unita mercantile e tre aerei da pattugliamento P.72 Maritime Patrol Aircraft (MPRA) (Germania, Lussemburgo e Polonia).

L’ European Satellite Center (SatCen) garantisce il supporto delle immagine satellitari.

Sono previsti assetti special quali sommergibili, droni (UAVs) e aerei AEW.

 

Forward Logistic Base (FLB) ad Augusta

Forward Logistic Site (FLS) a Sigonella

 

Ufficiale di collegamento della Guardia Costiera presso HQ Roma

 

 

Operation Commander:

01.01.20-01.10.21 C.A. Fabio Agostini

01.10.21-  attuale  C.A. Stefano Turchetto

  

Force Commander:

Comando semestrale italo/greco

28.05.20-19.10.20 Amm. Ettore Socci

01.04.21-01.10.21 C.A. Frumento Stefano

01.04.22-01.10.22 C.A. Fabrizio Rutteri

 

Capo Stato Maggiore:

01.04.20-05.06.20 G.B. Sebastiano longo

02.10.20-30.03.21 G.B. Filippo Quagliato

19.09.22.-  attuale G.B. Alessandro Amendola

 

 

Navi TF 464:

16.07.20-07.09.20 San Giorgio - nave Flagship - C.V. Rigel Pollicita

A bordo Elicottero EH 101, Team Brigata San Marco e Punto medico avanzato ROLE1

02.09.20-18.10.20 Margottini - nave Flagship - C.F. Alessandro Ballestra

18.10.20-21.01.21 Cigala Fulgosi - C.F. Paolo Grasso

21.01.21-01.04.21 Comandante Borsini

01.04.21-13.08.21 San Giorgio - nave Flagship

13.08.21-01.10.21 San Giusto - nave Flagship  

01.10.21-26.12.21 Nave Foscari - C.V. Daniele Giorgini

27.12.21-01.04.22 Nave Borsini

01.04.22-.....09.22 Grecale - nave Flagship

.....09.22-01.10.22 Libeccio- nave Flagship

 

Buste intestate con etichette:

OPERATION EUNAVFOR MED IRINI Via di Centocelle 301 - 00175 Rome SPS - Media

Operazione EUNAVFOR MED IRINI c/o Aeroporto F. BARACCA Via di Centocelle, 301 00175 - Roma

Buste intestate:

Operation Eunavfor Med Irini The Operation Commander

Timbri amministrativi:

Operation EUNAVFOR MED IRINI

European Unio Operation HQ EUNAVFOR MED

 

 

 

 

Prima data conosciuta: 30.09.20

 

 

 

366) Islanda 07.06.20-29.07.20 NATO Interim Air Policing  - Operazione  Northern Lightning II

L'Air Policing (AP) è una capacità di cui si è dotata la NATO a partire dalla metà degli anni cinquanta e consiste nell'integrazione in un unico sistema di difesa aerea e missilistico della NATO dei rispettivi e analoghi sistemi nazionali messi a disposizione dai paesi membri. L'attività di Air Policing è condotta sin dal tempo di pace e consiste nella continua sorveglianza e identificazione di tutte le violazioni all'integrità dello spazio aereo NATO, alle quali si fa fronte prendendo le appropriate azioni utili a contrastarle, come ad esempio lo "scramble", il decollo rapido di velivoli caccia intercettori.

 

La Task Force Air 32nd Wing, costituita sulla Base aerea di Keflavik e comandata dal  Colonnello pilota Michele Cesario, è alle dirette dipendenze del Comando Operativo di vertice Interforze (C.O.I.) ed è costituita, oltre che dal Task Group (gruppo volo), anche da personale tecnico e logistico e da un team di Controllori della Difesa Aerea.

Hanno garantito il rischieramento del personale e degli assetti della TFA la 46ª Brigata Aerea di Pisa ed il 14° Stormo di Pratica di Mare, rispettivamente con i vettori C-130J e KC-767, hanno effettuato il trasporto di personale e materiale; il personale dei reparti dipendenti dalla 3ª Divisione del Comando Logistico, invece, ha assicurato i sistemi necessari al settore delle telecomunicazioni e dell’assistenza al volo.

 

Velivoli F-35A dell’Aeronautica Militare, appartenenti al 32° Stormo di Amendola operativi dal 17.06.20.

 

Team Force Protection: personale A.M. e C.C.

 

Timbri amministrativi:

Task Force Air 32ND Wing Northern Linghtnig II

 

Uso di posta locale - unica data postale conosciuta 28.07.20

 

 

 

367) Mar Glaciale Artico 22.06.20-16.08.20 Campagna High North 20

La Nave Alliance è’ inquadrata organicamente, per il tramite del Comando Squadriglia Unità Idrografiche ed Esperienze (COMSQUAIDRO) e il Comando delle Forze di Contromisure Mine (MARICODRAG) nel Comando in Capo della Squadra Navale (CINCNAV).

La campagna intende garantire la continuità delle osservazioni ambientali, utili alla comunità scientifica internazionale e nazionale.

Concorrono prestigiosi Enti di ricerca internazionali e nazionali, quali il NATO STO-CMRE, il JRC – Centro di Ricerca dell’Unione Europea, il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico (ENEA), l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), l’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (OGS), lo European Research Institute (ERI) e l’industria privata (e-GEOS).

Quest’anno, per le restrizioni adottate a causa dell’emergenza sanitaria, il team è composto interamente da personale dell’Istituto Idrografico.

La campagna si pone quale obiettivo la conoscenza dell’Oceano, argomento all’attenzione della comunità globale per l’interesse manifestato dalle Nazioni Unite, proprio all’apertura della decade dedicata agli Oceani (UN Decade of Ocean Science for Environment Sustainability) e vedrà una forte componente di Young Ocean Researchers.

 

Nave Alliance - C.F. Andrea Crucitti

 

Coordinatrice scientifica di High North: Roberta Ivaldi docente di Geologia marina.

 

Partenza da La Spezia 22.06.20

Partenza da Tromso 08.07.20

Campagna geofisica 10.07.20-27.07.20

 

 

Al momento non si conosce posta spedita in Italia

 

368) Ucraina 01.07.20-01.07.20 Missione Umanitaria

Aiuti alle popolazioni colpite dall’alluvione.

Il C-130J della 46ª Brigata Aerea di Pisa ha caricato presso l'Aeroporto di Villafranca - sede del 3° Stormo dell’Aeronautica Militare - tonnellate di materiale messo a disposizione dai Vigili del Fuoco, dalle regioni italiane e dalle organizzazioni nazionali di volontariato di Protezione Civile: tende, pompe idrovore, torri faro e altro ancora.

Ultimato il carico degli aiuti per il popolo ucraino, a cura del personale del 3° Stormo, il velivolo si è diretto verso l’Aeroporto di Leopoli. 

 

 

369) Libano  05.08.20-10.11.20 Operazione “Emergenza Cedri”

Aiuti alla popolazione a seguito esplosione nei pressi del porto.

 

L'attività operativa ha avuto avvio il 15 agosto, con una ricognizione aerea di intervento, a premessa dello schieramento. Il 19 agosto è stato inviato in loco un Advanced Party composto dall'aliquota Comando, da un nucleo specialistico del 7° Rgt CBRN "cremona"

La Nave San Giusto assicura il sostegno logistico a tutto il contingente operante a terra.

Comandante dispositivo terrestre: Task Force "Emergenza Cedri" - G.B. Giovanni Di Biasi, comandante del Comando dei Supporti Logistici dell'Esercito

Coordinamento del Comando Operativo di Vertice Interforze (COI)

 

- 12.10.20 Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale - Task Force “Unite4Heritage”

 

 

05.08.20 2 voli C130J A.M. 46^ Aerobrigata con materiale sanitario

12.08.20 volo C130J A.M. 46^ Aerobrigata da Brindisi UNHRD materiale sanitario per Covid19

 

18.08.20-23.09.20 Nave San Giusto - C.V. Aniello Cuciniello (arrivo in Libano 22.08.20)

A bordo elicottero MH-101 del 1° Gruppo elicotteri di Luni-Sarzana

19.08.20-24.09.20  Nave Etna - C.V. Giovanni Cazzato (arrivo in Libano 24.08.20)

 

29.09.20 Task Force

Risoluzione 2539 del 20.08.20 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU che autorizza misure temporanee e speciali per supportare il Libano a seguito esplosione del 4.08.20.

Comando: T.C. Andrea Cubeddu (comandante dell’ HQ Support Unit)

- 2 Cp del Genio - una cinese e una francese con assetti cambogiani

            6° Rgt Genio Pionieri di Roma

            2° Rgt Genio Pontieri di Piacenza

            Rgt Genio Ferrovieri di Castelmaggiore

- 3 team italiani: CBRN del 7° Reggimento Difesa di Cremona - IEDD - Sanitario

- Supporto logistico austriaco

- PM tanzaniana

- Force protection cingalese e indonesiane

- Assetti sanitari spagnoli

 

Gli ultimi militari rientrano il 17.11.20

 

Timbri amministrativi:

NAVE ETNA

NAVE SAN GIUSTO

Task Force Cedri Comando

 

Uso poste locali 01.11.20 - unica data conosciuta 

Postalizzazioni in Italia:

Nave San Giusto: consegnata a destinazione il 17.09.20 prima data conosciuta

Nave Etna:  prima data 24.08.20 giorno del rientro

 

⇑ Collezione Vasco Francesco - lettera consegnata il 17.09.20

⇑ Collezione Ruben Berta - Probabilmente unica corrispondenza. L'Ufficio postale militare ha comunicato di non aver spedito alcuna corrispondenza.

 

 

370) Lituania 01.09.20-2.04.21  NATO “Baltic Air Policing”.

Questa delicata missione esprime la capacità dei Paesi dell’Alleanza, e dell’Italia come membro trainante, di condividere e ottimizzare l’impiego di mezzi, di personale e di professionalità operativa, per salvaguardare lo spazio di sicurezza euro-atlantico, mettendo in atto quello che la dottrina NATO definisce interoperabilità.

 

Task Force Air Siauliai “Baltic Thunder”

Operativa dal 08.09.20

4 EF-2000 del 4° Stormo di Grosseto, 36° Stormo di Gioia del Colle, 37° Stormo di Trapani e 51° Stormo di Istrana diTreviso.

 

Task Group Commander:

01.09.20-25.01.21 Col.p. Antonio Di Matteo

25.01.21-30.04.21 Col.p. Daniele Donati

 

Dispiegativo aggiunto alla Missione NATO Enhanced Forward Presence  per L’esercitazione Furious Wolf

Marzo 2021- 2 Eurofigter del 4° Stormo - Magg. Fabrizio S.

 

 

Buste intestate:

(logo Task Force Air Siauliai Baltic Guardian) Col. (OF5) Antonio Di Matteo Task Force Air Siauliai Task Force Commander Siauliai Air Base - Lakuno g. 3 LT-77103 Siauliai - Lithuania

Timbri amministrativi:

Task Force Air Siauliai Lituania

Task Force Air Siauliai “Baltic Air Policing” Lituania

 

Uso posta locale: 1^ data conosciuta 04.10.20

 

 

371) Croazia 29.12.20-….01.21 Terremoto

Aiuto alla popolazione croata, duramente colpita dal sisma.

Su disposizione del Capo di Stato Maggiore della Difesa, il Comando Operativo di vertice Interforze ha predisposto l’invio di personale dell’Esercito e di 6 mezzi del Reggimento Logistico della Brigata Pozzuolo del Friuli (4 mezzi complessi autoscarrabili APS, 1 ducato officina e 1 mezzo Astra HD6) per il trasporto di materiale logistico della PROCIV della Regione Friuli Venezia Giulia a favore del Popolo croato.

 

372) Malì 10.03.21- 30.03.22  Missione Takuba

La forza multinazionale Takuba si inserisce nel nuovo quadro politico, strategico e operativo ribattezzato “Coalizione per il Sahel”, che riunisce sotto comando congiunto la forza dell’Opération Barkhane (a guida francese) e la “Force conjointe du G5 Sahel”, al fine di coordinare meglio la loro azione concentrando gli sforzi militari nelle tre aree di confine (Mali, Burkina Faso e Niger). La partecipazione italiana alla Task Force Takuba, oltre a fornire un contributo al rafforzamento delle capacità di sicurezza nella regione del Sahel, risponde, altresì, all’esigenza di tutela degli interessi nazionali in un’area strategica considerata prioritaria.

Il mandato della Task force prevede:

- fornire attività di consulenza, assistenza, addestramento e mentorship a supporto delle forze armate e delle forze speciali locali;

- provvedere alla consulenza, nell’ambito del processo di potenziamento della componente terrestre e di forze speciali locali, funzionale al mantenimento di un adeguato livello di sicurezza e di contrasto al terrorismo;

- supportare le forze armate e le forze speciali locali nel potenziamento delle capacità di contrasto alle minacce per la sicurezza derivanti da fenomeni di natura terroristica transnazionale e/o criminale;

- fornire gli enabler per la condotta di operazioni di contrasto al terrorismo, in particolare, mezzi elicotteristici e personale per l’evacuazione medica”.

 

 

Primo sopralluogo in febbraio 10.03.21 - inizio dispiegamento ....07.21 - Full Operational Capability  14.01.22

HQ: Base Operationelle avanced Menaka - Base logistica: Base Militaire francaise de GAO

L’Italia partecipa alla Task Force Takuba con 20 mezzi terrestri e 9 mezzi aerei.  A rotazione numerosi reparti di grande esperienza fra cui il 9° Reggimento “Col Moschin”, il Gruppo Operativo Incursori della Marina, il GIS dei Carabinieri, il 4° Reggimento Alpini Parà “Monte Cervino”, il RRAO (Reggimento paracadutisti Ricognizione e Acquisizione Obbiettivi) e il 17° Stormo dell’Aeronautica Militare. I veicoli terrestri si annoverano i VTLM Lince e i Flyer 4×4.

Circa 200 militari italiani operano all’interno della T.F Takuba, garantendo capacità di evacuazione medica del personale della coalizione in operazione mediante l’impiego dei 3 velivoli da trasporto CH 47 F del 1° reggimento Aviazione dell’Esercito, in configurazione medevac che si avvalgono della necessaria cornice di sicurezza assicurata dai 3 elicotteri da esplorazione e scorta AH – 129D “Mangusta”, del 5° e 7° reggimento della Brigata Aeromobile dell’Esercito, inquadrati nella Task Force Rotary Wing “JACANA”.

La TF JACANA si avvale inoltre di squadre fucilieri “Guardian Angel” del 66° reggimento dell’Esercito che garantiscono la sicurezza dei CH 47F da bordo dei velivoli.

Il contributo italiano si completa con la disponibilità di un assetto sanitario di capacità pre-ospedaliera di tipo Role 1, con un team che assicura il supporto medico a tutto il personale della coalizione.

 

Comando Task Force Jacana:

08.08.21 Col. Andrea Carbonaro 

 

Nella Base logistica di Gao:

- Staff Comando

- National Support Element

 

Attualmente è nota una busta spedita con corriere in data 25.02.22

 

Timbri amministrativi:

Task Force Jacana Operazione Takuba (Malì)

IT - SNR - TF TAKUBA (MALI)

 

373) India 02.05.21-14.05.21 Covid19, emergenza India

Un aereo da trasporto C-130J della 46^ Brigata Aerea dell'Aeronautica Militare è decollato  da Torino Caselle, diretto a Nuova Delhi, in India, con a bordo un carico di circa 12 tonnellate di attrezzature per l'assistenza respiratoria, un sistema di produzione di ossigeno per rifornire un intero ospedale, ed altri apparati di supporto e materiale sanitario destinate al Paese messo in ginocchio dalla pandemia di Covid-19.

Il volo rientra nell'ambito delle attività di concorso messe in atto dal Ministero della Difesa a supporto della Protezione Civile per il contrasto alla pandemia, volute dal Ministro della Difesa Lorenzo Guerini, disposte dal Capo di Stato Maggiore della Difesa Gen. Enzo Vecciarelli e dirette dal Comando Operativo di vertice Interforze.

La missione, coordinata dal Dipartimento della Protezione Civile nell'ambito del Meccanismo europeo di Protezione Civile, consentirà di dotare le autorità sanitarie indiane di un macchinario per la produzione di ossigeno in grado di rifornire un intero ospedale, messo a disposizione dalla Regione Piemonte, e di 20 respiratori polmonari, donati dalla Struttura del Commissario Straordinario per l'Emergenza coronavirus. La destinazione finale sarà l'ITBP Hospital di Greater Noida.

Con il supporto di un team specializzato del 3° Stormo di Verona Villafranca, è stato caricato a bordo del velivolo anche il sistema di produzione di ossigeno che potrà essere utilizzato per rifornire un ospedale tradizionale o da campo.

Sullo stesso volo è presente anche un team composto dal personale del gruppo Maxiemergenza 118 della Regione Piemonte, da un medico della Regione Lombardia e da una rappresentanza del Ministero della Salute.

14.05.21 Un ATR 72 della Guardia di Finanza e decollato dall’aeroporto di pratica di Mare alla volta dell’India con un carico di aiuti e materiali per il sistema sanitario locale tra cui 30 concentratori di ossigeno, donati dalla Vitalaire Spa tramite la Regione Veneto, 2 ecografi della Protezione Civile lombarda, 2 ventilatori polmonari dall’ENI e 212 mila mascherine dalla Hope OMLUS.

Con il rientro in Italia ha trasportato il team che dal 3 maggio ha lavorato a supporto dei medici locali presso l’ITBP Hospital di Greater Noida.

 

374) Estonia 03.05.21-01.12.21 NATO Air Policing – Operazione “Baltic Eagle II”

L’ Air Policing è una missione della NATO finalizzata a preservare l’integrità dello spazio aereo della NATO nell’area di responsabilità del Supreme Allied Commander in Europe  (Saceur). Dal 2004, in particolare, è attiva senza soluzione di continuità la Baltic Air Policing (BAP), operazione che ha l’obiettivo di garantire la salvaguardia dello spazio aereo delle tre Repubbliche baltiche: Estonia, Lituania e Lettonia.

 

Task Group Falco, 4 caccia F-35A del 13° Gruppo Volo del 32° Stormo di Amendola ed una Task Force di circa 130 militari, tra piloti, tecnici e specialisti, guidati dal Col.p. Vincenzo Sirico.

06.05.21 Ful Operational Capability

La 46ª Brigata Aerea di Pisa e il 14° Stormo di Pratica di Mare che, rispettivamente con gli assetti C-130J e KC-767A, hanno assicurato il trasporto di personale e materiale, nonché il rifornimento in volo ai velivoli F-35.

Per garantire la sicurezza il personale della “Force Protection” del 32° Stormo è coadiuvato da un team del 16° Stormo “Fucilieri dell’Aria” di Martina Franca (TA). Personale specializzato di vari reparti della 3ª Divisione del Comando Logistico è invece intervenuto per approntare e garantire la piena funzionalità delle attrezzature per le telecomunicazioni e l’assistenza al volo.

 

15.09.21-30.11.21 Col.p. Fabio De Luca

Task Group Typhoon, composto da velivoli Eurofighter F-2000 del 4° Stormo di Grosseto, del 36° Stormo di Gioia del Colle, del 37° Stormo di Trapani e del 51° Stormo di Istrana.

 

375) Mar glaciale Artico 21.05.21-03.08.21  Campagna High North 21 

La campagna HIGH NORTH21 è finalizzata a garantire la continuità delle osservazioni ambientali utili alla comunità scientifica internazionale e nazionale.

L'unità polivalente di ricerca Alliance partita il 21 maggio da La Spezia per la campagna HIGH NORTH21, che inizierà ufficialmente il 10 giugno dopo la sosta nel porto di Tromsø.

Nave Alliance, al comando del C.F. Nicola Pizzeghello, è una nave polivalente che svolge principalmente attività di ricerca per la NATO, con equipaggio della Marina Militare, che, per il tramite del Comando Squadriglia Unità Idrografiche ed Esperienze (COMSQUAIDRO) ed il Comando delle Forze di Contromisure Mine (MARICODRAG), è inquadrata organicamente, nel Comando in Capo della Squadra Navale (CINCNAV). Ha un equipaggio di 45 militari integrato da un team scientifico, coordinato dalla professoressa Roberta Ivaldi dell'Istituto Idrografico della Marina Militare.

A questa campagna concorrono prestigiosi Enti di ricerca internazionali e nazionali, quali il Centro di Ricerca e Sperimentazione Marittima (Centre for Maritime Research and Experimentation – CMRE) per conto dell'Organizzazione Scientifica e Tecnologica (Science and Technology Organization - STO) della NATO, il JRC - Centro di Ricerca dell'Unione Europea, il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), l'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico (ENEA), l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), l'Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (OGS), Norwegian Defence Research Establishment (FFI) e l'industria privata (e-GEOS/Telespazio).

12.07.21 Rientro a Tromso

 

 

 

 

376) Belgio 15.07.21-18.07.21 Soccorso alluvione

Missione di assistenza internazionale richiesta dalla Commissione Europea agli stati membri.

C-130J per il trasporto di personale e mezzi per ricerca e soccorso

Vigili del Fuoco dei Comandi di Venezia, Padova, Treviso e Vicenza

2 fuoristrada e 4 gommoni alluvionali

A Tillf elicottero della Difesa

 

377) Afghanistan 15.08.21-31.08.21 Operazione Aquila Omnia

Rimpatrio personale diplomatico dell’ambasciata a Kabul, connazionali e collaboratori afghani e loro famiglie.

 

La Difesa ha messo in campo per l’operazione Aquila Omnia, pianificata e diretta dal COVI Comando Operativo di Vertice Interforze, comandato dal Generale Luciano Portolano, 8 aerei, 3 KC767 che si alternano tra l’area di operazione e l’Italia e 5 C130J, questi ultimi dislocati in Kuwait, da cui parte il ponte aereo per Kabul.

Sono oltre 1500 i militari italiani del Comando Operativo di Vertice Interforze (COVI) impegnati su disposizione del ministro della Difesa Lorenzo Guerini in questa complessa operazione per il ponte aereo Roma-Kabul. Personale del Joint Force HQ (JFHQ), del Comando Operazioni Forze Speciali (COFS), della Joint Evacuation Task Force (JETF), della Joint Special Operation Task Force (JSOTF) (9° Rgt Col Moschin - COMSUBIN - GIS),  del Comando Operazioni Aerospaziali AM (COA), della 46^ Brigata Aerea, del 14° Stormo dell’Aeronautica Militare, della Task Force Air di Al Salem (Kuwait), oltre a tutti i militari delle Forze Armate (187° Rgt Paracadutisti Folgore - Reparto Comando Supporti Tattici B. Granatieri di Sardegna) e dei Carabinieri preposti alla accoglienza e gestione al loro arrivo in Italia.

 

Comando operazioni: Gen. Giuseppe Faraglia del JFHQ

Comando 46^ Brigata Aerea: G.D.A. Alessandro De Lorenzo

Comando 14° Stormo: Col. Federico Merola

Nucleo Carabinieri Ambasciata: Cap. Alberto Dal Basso del 1º Rgt Carabinieri paracadutisti "Tuscania" di Livorno

Addetto militare Ambasciata: Col. Roberto Trubiani

 

16.08.21 Primo volo di rientro in Italia

88 voli

31.08.21 ultimo volo con un velivolo C130 dell’Aeronautica Militare.

 

378) Haiti 12.09.21-14.09.21 Terremoto - Missione umanitaria

Ponte aereo Pratica di mare - Port-au-Prince per trasporto di 10 tonnellate di medicinali, materiare sanitario e dispositivi di protezione individuale.

Velivolo trasporto KC-767A   del 14° Stormo Aeronautica Militare di Pratica di Mare

 

379) Stretto di Hormuz 01.10.21-  attuale Operazione Agenor - EMASOH

In ambito iniziativa multinazionale europea EMASOH (European Maritime Awarennes in the Strait of Hormuz), lanciata dalla Francia a margine del Consiglio Ue Affari esteri del 20.01.20 e supportata oltre che dall’Italia anche dai Governi di Belgio, Danimarca, Germania, Grecia, Paesi Bassi e Portogallo.

L’operazione nello Stretto di Hormuz prevede l’impiego di un dispositivo aeronavale nazionale per attività di presenza, sorveglianza e sicurezza nella regione che comprende il Golfo dell'Oman e l'intero Golfo Persico, un'area storicamente caratterizzata da interessi vitali per l'economia nazionale e dei paesi europei. La missione è finalizzata a tutelare il naviglio mercantile nazionale, supportare il naviglio mercantile non nazionale, rafforzare la cooperazione con le altre iniziative nell’area e contribuire alla “maritime situational awareness” dello spazio aeromarittimo della regione al fine di garantire la libertà di navigazione e il libero flusso del commercio globale operando nel pieno rispetto delle leggi internazionali.

 

HQ Base navale "Al Salam Camp" Abu Dhabi

Comando Task Force 474 – Comandante della Forza Tattica Operazione AGENOR:

06.07.22-  attuale Contram. Stefano Costantino

 

Navi:

01.10.21-30.11.21 Federico Martinengo - C.F. Roberto Carpinelli

26.08.22-13.11.22 Thaon di Revel – C.F. Emanuele Morea (partita da La Spezia il 12.08.22)

Con un equipaggio composto da un distaccamento di volo con un elicottero NHIndustries SH-90A del 4° gruppo elicotteri, un team del GOS (Gruppo Operativo Subacquei) del gruppo subacquei/EOD e un distaccamento della brigata San Marco (anfibio) per le attività di sicurezza e imbarco.

Dal 01.09.22 nave Flagship - supporta il Comando Tattico Imbarcato e lo Staff Internazionale del  CTF 474

 

1^ data conosciuta: 14.10.22 tramite poste militari francesi

 

  

 

380) Qatar 23.11.21-20.12.21 Supporto Forze Armate del Qatar

Sistema anti-drone fisso ACUS (AMI Counter UAS), costituito da un dispositivo radar di rilevamento e da sofisticate apparecchiature per l’interdizione elettronica, congiuntamente a sistemi jammer portabili, disturbatori di frequenza.

 

I reparti d’élite dell’Aeronautica Militare italiana sono stati schierati per un mese in Qatar in occasione della competizione calcistica FIFA Arab Cup cui hanno partecipato 16 squadre del mondo arabo in vista dell’appuntamento mondiale del 2022.

 

Task Group Counter-Unmanned Aerial Anti-drone System (C-UAS): 

hanno partecipato trenta militari provenienti dal 16° Stormo “Protezione delle Forze” di Martina Franca (Fucilieri dell’Aria) e operatori del settore Force Protection appartenenti al 4° Stormo dell’Aeronautica di Grosseto, al 6° Stormo di Ghedi (Brescia) e al 32° Stormo di Amendola (Foggia).

Il Task Group italiano schierato in Qatar per il test generale di “protezione anti-droni” in vista del Campionato mondiale di calcio 2022, opera stabilmente in Kuwait alle dipendenze dell’IT NCC Air (Italian National Contingent Command Air).

 

381) Afghanistan 24.11.21-....01.22 Operazione Aquila Omnia 2

Trasferimento in Italia di circa 500 persone, tra ex collaboratori della Difesa e famigliari che si trovano nei paesi vicini all’Afghanistan.

Operazione diretta dal COVI comandato dal G.S.A. Silvano Frigerio

Il personale afghano viene trasferito in Italia con aerei commerciali. Tutte le attività sono coordinate con il Ministero Interno, Ministero Affari Esteri, Protezione Civile, Croce Rossa e gli addetti alla Difesa presso ambasciate dei paesi di riferimento.

 

382) Slovenia 06.12.21-....02.22  Emergenza Covid 19

Su iniziativa del Ministro della Difesa, On. Lorenzo Guerini, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone, ha dato mandato al Comando Operativo di Vertice Interforze (COVI) di pianificare e disporre l’invio in Slovenia di personale medico e infermieristico, che si affiancherà alle unità mediche delle Forze Armate slovene che stanno operando sul territorio presso gli ospedali COVID del Paese.

 

Sono 15 i medici e infermieri che hanno raggiunto la capitale Lubiana, divisi in cinque team: sei dall’Esercito Italiano, tre dalla Marina Militare, tre dall’Aeronautica Militare e tre dall’Arma dei Carabinieri.

Ciascuna aliquota verrà impiegata in Slovenia per un periodo di 45 giorni, al termine del quale sarà previsto un turn-over di personale. 

 

383) Romania 15.12.21-01.07.22 Air Policing Sorveglianza spazio aereo NATO

La missione della TFA “Black Storm”, la cui lead è assegnata al 36° Stormo di Gioia del Colle, ha come obiettivo, infatti, di concorrere all'integrità dello spazio aereo della Romania rafforzando l'attività di sorveglianza normalmente svolta dai MiG-21 della Forṱele Aeriene Romậne, con un dispositivo di difesa integrato con i velivoli Eurofighter 2000, provenienti dal 4°, 36°, 37° e 51° Stormo dell'Aeronautica Militare.

 

HQ aeroporto di Mihail Kogalniceanu di Costanza

Task Force “Black Storm”

15.12.21-05.05.22 Col. Morgan Lovisa

05.05.22-01.07.22  Col. Roberto Losengo

 

Guerra in Ucraina potenziamento Task Force:

27.02.22 - 2 Eurofighter 2000 dal 36° Stormo di Gioia del Colle 

01.03.22 - 2 Eurofighter 2000 dal 4° Stormo di Grosseto

2 G550 CAEW 71° Gruppo di volo 14° Stormo di Pratica di Mare

 

P.M. Carabinieri

 

12.04.22

La Task Force Black Storm, sulla scorta del programma di avvicendamenti pianificati dalla NATO, ha ceduto il comando della Enhanced Air Policing - Area South alla componente della Royal Air Force del Regno Unito che opererà il servizio di QRA (Quick Reaction Alert) divenendo il responsabile di Air Policing nella regione.

Il contingente italiano della TFA Black Storm, operando in collaborazione con altri assetti della NATO e congiuntamente al servizio QRA operato dalle altre nazioni alleate, continuerà ad operare sul sedime di Costanza, sempre sotto comando NATO, in missioni eVA (Enhanced Vigilance Activity) attivate per incrementare le attività di sorveglianza e protezione dei cieli atlantici in considerazione dello scenario geopolitico in atto sul fianco orientale dell’Alleanza.

La decisione di rimanere è stata presa alla fine del mese di febbraio ed è stata implementata in pochissimo tempo. Abbiamo iniziato subito una fase di studio e sono partiti i primi lavori che ci hanno permesso, senza nessuna interruzione alle nostre attività, di essere operativi dal nuovo compound in pochissimo tempo”.

Infatti, con la conclusione della missione di eAP a guida italiana la TF Black Storm ha continuato ad operare nell’ambito delle attività eVA, senza soluzione di continuità, in una nuova area della base di Costanza appositamente allestita. In questo nuovo spazio il personale del 3° Stormo di Verona Villafranca e del 3° Reparto Genio Campale del Comando Logistico, in circa due settimane, hanno approntato un campo di circa 15mila metri quadri composto da tende e strutture campali dedicate.

I reparti del Comando Logistico, comprensivi del supporto CIS (Communications and Information Systems) della 3^ Divisione, hanno assicurato la continuità del rischieramento, installando una serie di assetti campali utili non solo ai fini amministravi e logistici ma anche necessari per il ricovero dei velivoli, per la gestione del materiale d'armamento e la direzione delle missioni operative nonché per la rilocazione degli assetti CIS e di telecomunicazione necessari per garantire il proseguimento delle operazioni aeree.

 

 

384) Mediterraneo 19.04.22-22.04.22 Affondamento cargo Xelo della Guinea Equatoriale

Missione, al fine di procedere ad ispezionare il relitto tramite l’impiego dei mezzi a pilotaggio remoto in dotazione in modo da fornire alle autorità tunisine elementi utili a valutare la situazione in atto e definire le necessarie azioni da attuare nel caso di eventuali sversamenti in mare.

​Il Pattugliatore d’Altura Vega, arrivato nelle acque antistanti il porto di Gabes, è stato autorizzato dalle autorità tunisine all’avvicinamento al punto dove è affondata la nave cargo Xelo.

Team del Gruppo Operativo Subacquei (GOS) imbarcato per la specifica missione

 

385) Islanda 30.04.22-04.07.22 Operazione NATO di Air Policing Northern Lightning III 

L’obiettivo della missione è quello di preservare l’integrità dello spazio aereo della NATO in tempo di pace, rafforzando l'attività di sorveglianza dei cieli dell’Islanda, che non possiede proprie capacità di difesa aerea, e conducendo, nel frattempo, attività addestrativa congiunta con l’Icelandic Coast Guard e con assetti NATO eventualmente rischierati sul sedime islandese.

Base aerea di Keflavik:

Task Force Air al comando del Col. Gianmarco Di Loreto.

4 velivoli F-35A del 32° Stormo dell’Aeronautica Militare.

 

La Task Force Air, posta alle dirette dipendenze del COVI (Comando Operativo di Vertice Interforze), è composta oltre che dal Gruppo Volo e dal personale tecnico e logistico proveniente dai vari Reparti della Forza Armata, anche da un team di controllori della Difesa Aerea che, in collaborazione con la guardia costiera islandese, assicura la sorveglianza ed eventualmente l'intercettazione, mediante gli F-35A in allarme, di aeromobili non identificati o che rappresentino una potenziale minaccia.

Il rischieramento della TFA è stato possibile grazie ad un importante lavoro di squadra che ha visto coinvolti numerosi Reparti A.M.: il trasporto di personale e materiale è stato possibile grazie all’impiego di velivoli KC-767A del 14° Stormo di Pratica di Mare e di C-130J della 46^ Brigata Aerea di Pisa che hanno garantito inoltre, rispettivamente, anche il rifornimento in volo e la capacità di SAR (Search and Rescue) Oceanico durante il trasferimento dei velivoli F-35A dalla base di Amendola a quella di Keflavik.

30.04.22 Completa Capacità Operativa (Full Operational Capability - FOC) della Task Force Air Iceland

 

20.06.22-27.06.22 per la prima volta una coppia di F35B STOVL (Short Take Off and Vertical Landing) del 32° Stormo è stata rischierata fuori dai confini nazionali nell'ambito di uno scenario internazionale. La Forza Armata ha effettuato il trasferimento dei velivoli in totale autonomia, impiegando specifici assetti tra cui un KC-767A del 14° Stormo di Pratica di Mare, che ha assicurato il rifornimento in volo ed il trasporto di materiali e personale, ed un C-130J della 46^ Brigata Aerea di Pisa con funzioni Search and Rescue

 

386) Mar Glaciale Artico 21.05.22-08.08.22  High North 22

Due le missioni scientifiche che la nave condurrà: Nordic Recognized Enviromen-tal Picture 22 (NREP22) condotta dallo Science and Technology Organization - Centre for Maritime Research and Experimentation (STO-CMRE), e High North22 a guida dalla Marina Militare, ha lo scopo di effettuare ricerche mediante attività di mapping, campionamento, analisi ed osservazioni, per accrescere la conoscenza dell'area artica, studiarne i cambiamenti occorsi negli ultimi anni, l'evoluzione del clima nonché lo stato di salute del nostro pianeta.

L'unità polivalente di ricerca Alliance è partita il 21 maggio da La Spezia alla volta dell'Oceano Artico. Il porto di destinazione è quello norvegese di Tromsø.

Comandante: C.F. Pasquale Perrina

 

28.06.22 Nave Alliance rientra nel porto norvegese di Tromsø concludendo così la campagna in artico Nordic Recognized Enviromental Picture 22.

01.07.22 Avvio della campagna HIGH NORTH 22, che si sviluppa oltre il Circolo Polare Artico, fra i mari di Norvegia e Groenlandia, dal 1° al 23 luglio. Il team di scienziati del CMRE verrà avvicendato da quello dell'Istituto Idrografico della Marina, guidato dal C.F. Maurizio Demarte che coordinerà la sesta campagna High North.

 

387) Mar Baltico e Mediterraneo 16.05.22-31.05.22 Operazione Neptune Shield 22 (NESH 22)

Attività di Air Policing and Maritime-Based Activity per la sicurezza area NATO Mar Baltico e Mediterraneo.

Sotto Comando NATO che ha esercitato il controllo tramite il Naval Striking and Support Forces NATO (STRIKFORNATO) di Lisbona.

Sono stati coinvolti mezzi, forze e Centri Comando di 25 paesi NATO

 

Gruppo navale:

Portaerei Cavour con velivoli dell’Aviazione Navale imbarcati

Cacciatorpediniere Andrea Doria - unità di scorta

 

388) Libano 04.07.22-....07.22  Cooperazione Italia/Libano

Nave Magnaghi durante il mese di luglio svolgerà attività nel litorale di Tripoli (Libano) dove, nell'ambito del piano di cooperazione Italia/Libano, darà il via ad una campagna di rilievi volti alla realizzazione della carta nautica del porto.

A bordo della nave opererà anche un team di istruttori in supporto del locale ufficio idrografico. Da anni infatti, i due istituti idrografici, hanno stretto una forte attività di collaborazione sia nel settore della formazione degli idrografi (surveyor e master surveyor), sia nella realizzazione dei prodotti cartografici e nautici.

Comandante: C.F. Alessandro Peveri

 

389) Polonia 28.07.22-30.11.22 Operazione NATO di Air Policing White Eagle

L’Air Policing (AP) è una missione di difesa collettiva a guida NATO e gestita dall’Allied Air Command (AIRCOM) di Ramstein (Ger) che viene condotta sin dal tempo di pace, senza soluzione di continuità 365 giorni all’anno e che, nello specifico per la TFA-P “White Eagle” a guida del 4° Stormo, ha lo scopo di assicurare l'integrità e la sicurezza dello spazio aereo della Polonia e di tutti i Paesi dell'Alleanza, contribuendo così al rafforzamento della postura di deterrenza sul fianco orientale della NATO.

 

Con l’arrivo all’aeroporto Krolewo di Malbork di quattro velivoli EF-2000 provenienti dal 4° stormo di Grosseto, 36° stormo di Gioia del Colle, 37°stormo di Trapani  e 51° Stormo di Istrana, si completano le operazioni di rischieramento della Task Force Air “White Eagle”  per la prima volta presente in una missione NATO in terra polacca. 

Il rischieramento è avvenuto con un lavoro di squadra che ha visto coinvolti numerosi enti dell’Aeronautica Militare tra cui il 14° Stormo di Pratica di Mare e la 46° Brigata Aerea di Pisa, per l’impiego dei velivoli KC-767 e dei C-130J ed il Comando Logistico 3^ Divisione per i collegamenti in loco e con l’Italia.

Il 16° Stormo Fucilieri dell’Aria, una componente il Comando Forze per la Mobilità ed il Supporto del Comando Logistico Servizio dei Supporti, offrono la necessaria sicurezza e protezione terrestre a personale, mezzi ed installazioni

 

30.07.22 F.O.C. (Full Operational Capability)

La Task Force Air “White Eagle”, ”, a guida del 4° Stormo, posta sotto la diretta dipendenza nazionale del COVI (Comando Operativo di Vertice Interforze), è composta da personale proveniente dai Gruppi di Volo e da personale tecnico e logistico

Col.p. Salvatore Florio

 

La missione non dispone di buste e timbri

 

Lettera intestata a computer:

TASK FORCE AIR “WHITE EAGLE”

 

Uso di posta locale - Prima data conosciuta 26.08.22

 

 

390) Bulgaria 30.07.22-  attuale Enhanced Vigilance Activity - eVA

In risposta all'invasione su larga scala dell'Ucraina da parte della Russia nel 2022, infatti, gli Alleati hanno attivato i piani di difesa della NATO e dispiegato migliaia di truppe supplementari da entrambe le sponde dell'Atlantico. Oltre 40.000 truppe, insieme a significativi mezzi aerei e navali, sono ora sotto il diretto comando della NATO nella parte orientale dell'Alleanza, supportate da altre centinaia di migliaia di truppe provenienti dai dispiegamenti nazionali degli Alleati.

La NATO ha rapidamente istituito quattro nuovi gruppi tattici multinazionali in Bulgaria, Ungheria, Romania e Slovacchia, oltre ai gruppi tattici già esistenti in Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia. Gli otto gruppi tattici si estendono lungo tutto il fianco orientale della NATO, dal Mar Baltico a nord al Mar Nero a sud. Inoltre, al Vertice di Madrid del giugno 2022, gli alleati hanno concordato un cambiamento fondamentale nella deterrenza e nella difesa della NATO. Ciò include il rafforzamento delle difese avanzate, il potenziamento dei gruppi tattici nella parte orientale dell'Alleanza fino al livello di brigata, la trasformazione della Forza di risposta della NATO e l'aumento del numero di forze ad alta prontezza a ben oltre 300.000 unità.

L’Italia si è candidata a guidare come framework nation, a partire dal mese di ottobre 2022, il Battle Group in Bulgaria, di base nella Novo Selo training area. Tutte le attività operative e addestrative condotte dalle Forze Armate Italiane sul fianco orientale della NATO sono disposte dal Capo di Stato Maggiore della Difesa e svolte sotto il coordinamento e secondo le direttive impartite dal Comando Operativo di Vertice Interforze (COVI).

 

Con l’imbarco, dal porto di Bari, dei primi autoveicoli tattici e logistici, nonché dei materiali logistici, è iniziato il dispiegamento del contingente italiano impiegato in Bulgaria nell’ambito del Battle Group eVA (Enhanced Vigilance Activity) a guida 82° Reggimento fanteria “Torino” di Barletta.

Il dispiegamento di unità dell'E.I., per la prima volta in territorio bulgaro, è stato possibile grazie ad una complessa attività di redazione di accordi tecnico-logistico-amministrativi tra gli Alleati e la Bulgaria, Nazione ospitante.

 

15.08.22 Operativa

 

Mezzi tattici: SPH (Self-Propelled Howitzer) PZH2000, AFV (Armoured Fighting Vehicle) Blindo Centauro, AIFV (Armoured Infantry Fighting Vehicle) Freccia, AIFV Freccia Mortar Carrier e AIFV Freccia Spike, LMV (Light Multirole Vehicle) VTLM Lince 2

 

17.10.22 L’Italia assume il ruolo di Framework Nation ovvero la leadership della missione.

HQ Novo Selo

Col. Francesco Alaimo

 

391) Ungheria 02.08.22-  attuale Enhanced Vigilance Activity - eVA

 

Si è concluso il dispiegamento delle Truppe Alpine dell’E.I. che contribuiscono alla costituzione di uno dei nuovi quattro “battlegroup” della NATO schierati sul fianco sud-est dell’Alleanza Atlantica nell’ambito dell’operazione denominata “Enhanced Vigilance Activity” (eVA).

Il contingente italiano, che opera sotto comando ungherese, è della Brigata Alpina Taurinense :

HQ Veszprem  - Camp Croft

 

3° Rgt. Alpini di Pinerolo - T.C. Fortunato Sion

1° Rgt. Artiglieria Terrestre di Fossano

1° Rgt. Nizza Cavalleria di Bellinzago Novarese

32° Rrt. Genio Guastatori di Fossano

11° Rgt Trasmissioni di Civitavecchia

Military Police: 1° Reggimento Carabinieri Paracadutisti "Tuscania" di Livorno

Veicoli tattici in dotazione al contingente schierati:

- Blindo Centauro

- VTMM (veicolo tattico medio multiruolo) 

- VTLM (veicolo tattico leggero multiruolo)

- BV206 (veicolo tattico ad elevata mobilità)

- Joint Terminal Attack Controller (gestione del fuoco aereo)

30.09.22 Full Operational Capability

 

392) Pakistan 24.09.22-24.09.22 Missione umanitaria

Nella mattinata di sabato 24 settembre un KC-767A del 14° Stormo è decollato dall'aeroporto militare di Pratica di Mare alla volta del Pakistan, precisamente a Karachi, per trasportare circa 16 tonnellate di materiale (medicinali, vestiario e materiale tecnico tra cui tende pneumatiche e motopompe) che potranno essere utilizzate per aiutare la popolazione locale duramente colpita dalla recente alluvione. 

La particolare missione umanitaria è stata gestita ed organizzata dal Comando Operativo di Vertice Interforze dello Stato Maggiore della Difesa in stretto coordinamento con il Ministero degli Affari Esteri - Cooperazione Internazionale. 

 

393) Mediterraneo 29.09.22-  attuale Tutela Reti Strategiche per l’interesse nazionale

Garantire la sicurezza delle sea lines of communications (SLOC) del Mediterraneo

Gasdotti canale di Sicilia

Cacciamine Numana e nave Anteo con a bordo GOS Consubin, Palombari nucleo iperbarico e 2 mini sommergibili.

31.10.22- attuale  Chioggia

 

394) Qatar 10.11.22-18.12.22  Missione bilaterale di supporto alle forze armate del Qatar

La missione bilaterale ha lo scopo di fornire supporto alle Forze armate del Qatar per l’implementazione del sistema di difesa e sicurezza in occasione dei Mondiali di calcio 2022 che costituiscono un evento di rilevanza globale per copertura mediatica, valore economico e potenziali flussi di persone

Tredici i paesi stranieri partecipanti: Francia, Portogallo, USA, Regno Unito, Kuwait, Pakistan, Giordania, Turchia, Spagna, Germania, Irlanda, Russia e Italia.

 

Inizio schieramento: 10.11.22

 

Il contingente italiano opera sotto la supervisione del Supreme Committee for Delivery and Legacy del Qatar.

Impegno di 560 unità di personale militare, 46 mezzi terrestri, 1 mezzo navale e 2 mezzi aerei. Le forze italiane sono inquadrate nella “Combined Joint Task Force Qatar”.

 

Italian Joint Task Force Land Operazione “Orice”:

3° Rgt Bersaglieri di Teulada - Brigata Sassari

5° Rgt Genio Guastatori di Macomer - Brigata Sassari

8° Rgt Genio Guastatori di Legnago - Brigata Folgore

186° Rgt Genio Guastatori di Siena - Brigata Folgore

Assetti specialistici dell’Esercito per la guerra chimica ed elettronica

Carabinieri appartenente al GIS - Gruppo Intervento Speciale

1º Reggimento Paracadutisti “Tuscania” 

Equipaggiamenti CBRN (Chimico, Biologico, Radiologico e Nucleare) – 7° Rgt Difesa CBRN “Cremona” di Civitavecchia

Equipaggiamenti Counter-IED (Ordigni Esplosivi improvvisati) – Centro di eccellenza C-IED di Roma – Task Force C-IED

Unità cinofile – Centro Militare Veterinario di Grosseto – T.C. Micheletino Matarasso

 

Il comando sul terreno dell'operazione, denominata “Orice” (l’Orice d’Arabia è l’animale nazionale del Qatar), è affidato al Generale di Brigata Giuseppe Bossa, comandante della Brigata “Sassari”.

 

Tutte le attività della joint task force italiana, nell’ambito del campionato mondiale di calcio in Qatar, sono svolte sotto il coordinamento del Comando operativo di vertice interforze della Difesa, guidato dal G.C.A. Francesco Paolo Figliuolo. Il Comando di vertice dell’Area operativa interforze (Covi) assolve alle funzioni di organismo di staff del capo di Stato maggiore della Difesa per la pianificazione, la coordinazione e la direzione delle operazioni e delle esercitazioni militari in ambito nazionale e internazionale condotte nei cinque domini: terra, mare, cielo, spazio e cyber.

 

 

Marina Militare:

Task Force Remus:

Contribuisce alla sicurezza delle acque internazionali al largo di Doha, con il Pattugliatore Polivalente d’Altura Thaon di Revel (dal 14.11.22),  e dello spazio subacqueo, in prossimità della costa, con un Autonomous Underwater Vehicle del tipo REMUS.

C.F. Emanuele Morea

 

20.10.21

Con l'arrivo dell'ultimo carico di materiale dal MARICODRAG (il Comando delle Forze di Contromisure Mine della Marina Militare italiana), la Task Force REMUS della operazione Orice, la missione bilaterale di supporto alle Forze Armate del Qatar per garantire la sicurezza dei Mondiali di calcio che si disputano nell’emirato del Golfo Persico tra il 20 novembre e il 18 dicembre, ha raggiunto la piena capacità operativa.

Il team, composto da palombari e tecnici specializzati nel contrasto alle minacce subacquee, opera nello specchio d'acqua antistante al porto di Doha, dove si svolge buona parte degli eventi pubblici connessi con la manifestazione sportiva nel corso della quale i militari italiani, in supporto e su richiesta delle autorità dello Stato ospitante e sotto il coordinamento del Comando Operativo di Vertice Interforze della Difesa, sono chiamati a garantire la cornice di sicurezza.

 

 

Aeronautica Militare:

Task Force C-UAS:

L'A.M. mette in campo, con il personale "Fucilieri dell'Aria", una Task Force Counter-Unmanned Aerial Anti-drone System (C-UAS) per la difesa contro la minaccia derivante dai cosiddetti "mini e micro droni", schierando un dispositivo soft-kill costituito da sistemi jammer portatili del 16° Stormo “Protezione delle Forze” di Martina Franca e rischierando il sistema anti-drone stanziale "ACUS" (AMI Counter UAS), operato, oltre che dai Fucilieri dell'Aria, anche da personale proveniente dal 4°, 6° e 32° Stormo, dal Comando Forze da Combattimento di Milano, ed alla cui fase di settaggio contribuirà anche personale del Centro di Eccellenza APR di Amendola. La capacità C-UAS comprende l'acquisizione di tecnologie per l'avvistamento e l'eventuale neutralizzazione di droni anche di piccolissime dimensioni che sorvolano a bassa quota aree sensibili o interdette (quali le installazioni militari), allo scopo di proteggere il personale che in esse opera e i beni materiali ivi custoditi.

07.11.22 piena capacità operativa

 

 

Carabinieri:

Fornisce un dispositivo composto da 14 unità, tra cui il Provost marshal, figura di diretto supporto del Comandante della missione ed in particolare un Nucleo di 10 advisor, consulenti delle forze di sicurezza (Gendarmeria, Guardia dell’Emiro, Polizia Militare) e delle forze speciali del Qatar.

 

395) Mar Glaciale Artico 18.10.22-  attuale  Campagna Northern Ocean Rapid Surface Evolution (NORSE) 22

Organizzata con il Centre for Maritime Research and Experimentation (CMRE) della NATO, svolta nelle acque del Mare di Norvegia antistanti all’isola di Jan Mayen.

NORSE 22 si concentra sulla caratterizzazione dei parametri fisici oceanici associati alla propagazione acustica subacquea alle alte latitudini libere dai ghiacci. L'obiettivo è migliorare i modelli previsionali di propagazione, e rilasciare una rete di osservazione autonoma composta da sensori e veicoli autonomi sommersi per misurare le correnti marine e le caratteristiche che compongono i vari strati dell’Oceano Artico.

La nave polivalente di ricerca Alliance della NATO, con equipaggio della Marina Militare è partita il 18 ottobre dal porto norvegese di Tromso con un team scientifico dell’Office of Naval Research (ONR) della US NAVY.

 

C.F. Federico Carleo

 

396) Mozambico ..........22-  attuale EUTM Mozambico

Il 12 luglio 2021 il Consiglio ha adottato una decisione che istituisce EUTM Mozambico. La decisione è la risposta dell'UE alla richiesta, da parte delle autorità del Mozambico, di un maggiore impegno dell'UE nei settori della pace e della sicurezza. Nella lettera del 3 giugno 2021 il presidente del Mozambico Filipe Nyusi ha accolto con favore lo spiegamento nel paese di una missione militare di formazione dell'UE senza compiti esecutivi nell'ambito della politica di sicurezza e di difesa comune (PSDC).

EUTM Mozambico contribuirà all'approccio integrato dell'UE alla crisi a Cabo Delgado, unitamente al sostegno alla costruzione della pace, alla prevenzione dei conflitti e al dialogo, all'assistenza umanitaria e alla cooperazione allo sviluppo, come anche alla promozione dell'agenda su donne, pace e sicurezza.

 

Sono impegnati 15 militari stanziati nelle basi di Maputo, Chimoio e Katembe.

 

397) Romania 14.11..22-  attuale Air Policing Sorveglianza spazio aereo NATO

La Task Force Air italiana (TFA-R) “Gladiator” si è rischierata presso l'aeroporto romeno di Mihail Kogălniceanu di Costanza per contribuire a rafforzare le attività di sorveglianza svolte dalla NATO sul fianco est dell’Alleanza Atlantica.​

 

25.11.22 Con l’atterraggio dei quattro velivoli EF-2000 Eurofighter provenienti dal  4° stormo di Grosseto, 36° stormo di Gioia del Colle, 37° stormo di Trapani  e 51° Stormo di Istrana, dell’Aeronautica Militare, si completano le operazioni di rischieramento a Costanza (ROU) della Task Force Air “Gladiator” che, con i suoi 150 uomini e donne, inizierà da subito le delicate predisposizioni necessarie al raggiungimento della F.O.C. (Full Operational Capability).

 

 06.10.22 Full Operational Capability

 

 

 

Joomla templates by a4joomla